Cronaca
Commenta

Inseguiti e presi nei bagni
espulsi due venditori molesti

L’interno del Cupa dove si è svolto l’inseguimento

CREMA – “Abbiamo visto due neri entrare di corsa e cercare un nascondiglio. Poi sono arrivati alcuni agenti in divisa. Dopo un po’ sono usciti con i due neri”. Questo il racconto di quel che è successo ieri mattina nei locali del Cupa di Crema. Secondo i testimoni, varie decine di persone, nella mattinata di martedì qualcuno ha scorto un agente in divisa e lo ha avvicinato, avvertendolo che vi erano nel parcheggio antistante l’ospedale alcuni venditori che infastidivano la gente. L’agente ha chiamato i collega e,individuati i venditori, due giovani senegalesi, ha cercato di fermarli. Ma questi non ne hanno voluto sapere e hanno cercato di rifugiarsi nel Cupa. Una volta dentro, hanno imboccato la via dei bagni e si sono chiusi all’interno. Gli agenti, tuttavia, messi sulla buona strada anche dai presenti, sono arrivati ben presto davanti alla porta dei bagni e hanno costretto i due a uscire e li hanno portati in commissariato. Qui i due venditori senegalesi sono stati identificati e la polizia ha scoperto che uno aveva un ordine di espulsione dall’Italia al quale non aveva ottemperato, mentre l’altro era al suo primo fermo. Per entrambe è stato emesso un nuovo ordine di espulsione che poi è stato consegnato loro. I due stranieri devono andarsene dall’Italia nei prossimi giorni, ma nessuno crede che effettivamente varcheranno la frontiera e che, presto o tardi, ce li ritroveremo ancora da queste parti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti