Cronaca
Commenta

Treni, il continuo supplizio
dei pendolari cremaschi

CREMA – Ancora ritardi, soppressioni, treni vecchi, con poche se non con una carrozza sola. E’ il continuo stillicidio al quale sono sottoposti, quasi quotidianamente, i pendolari cremaschi. Questa settimana, accanto ai soliti disagi, treni soppressi all’ultimo istante, pendolari fatti viaggiare su una carrozza sola, un treno che ha viaggiato fino a Treviglio con i freni bloccati, scandalo per i macchinisti che avrebbero fatto apposta ad accumulare ritardi per incassare gli straordinari, registriamo le prese di posizione dei nostri politici, dai pentastellati, che hanno protestato in regione, al sindaco di Crema Bobaldi che, con l’assessore Bergamaschi, ha fatto presente i vari disagi ai quali vanno incontro quotidianamente i nostri pendolari all’assessore regionale Alessandro Sorte, chiedendo che almeno un dei treni nuovi venga inserito nella tratta Crema-Treviglio, alla protesta di Sinistra ecologia e libertà che, in un comunicato che riportiamo qui sotto, si schiera dalla parte dei pendolari contro questo tipo di trattamento.

Drammaticamente, la scandalosa questione trasporto pendolari cremaschi sembra confermare l’adagio per cui non c’è limite al peggio! Nella giornata di oggi abbiamo vissuto un altro episodio di sfacciata presa in giro dei cittadini della nostra città e, in particolare,  di quanti devono utilizzare lo scandaloso trasporto ferroviario per recarsi al lavoro: l’arrivo in stazione di un treno composto da una sola carrozza (con persone in piedi e schiacciate più di sardine) per di più spinta da un motore diesel: siamo letteralmente indietro di 50 anni perchè il mezzo è degli anni ‘60! Gli pseudo politici di Regione Lombardia devono svegliarsi e risolvere immediatamente una situazione davvero non più sostenibile: è forse così che intendono accompagnarci ad Expo?! SEL, come sempre, continuerà ad attivarsi, con le mozioni presso il Consiglio Comunale  cittadino, con gli incontri presso RRFF (il gestore della rete ferroviaria) e con altre iniziative, al fine di rendere civili e dignitose le condizioni dei viaggiatori, SEL si mette a disposizione di quelle iniziative che possono contribuire a risolvere questa paradossale,  insostenibile e non più tollerabile  situazione,  che così fortemente colpisce i concittadini, condizionandone pesantemente la vita.

Pgr

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti