Politica
Commenta4

“Cancelli aperti otto minuti
Dentro già 150 persone”

Martino Boschiroli, al centro, contesta il sindaco

CREMA – “Hanno aperto i cancelli per otto minuti: dalle 20.02 alle 20.10, facendo passare circa 35 persone. Poi hanno detto che era tutto esaurito. E questo significa che dentro c’erano 150 persone, fatte salire prima dell’apertura dei cancelli. E’ questa la democrazia del nostro sindaco? Chiediamo le sue dimissioni”. Un imbufalito Martino Boschiroli, esponente dell’Udc cremasca, chiama a raccolta la stampa per denunciare quel che tutti hanno visto: il consiglio comunale aperto è stat una grande farsa, orchestrata benissimo da chi voleva far pensare che la stragrande maggioranza della gente è con il sindaco e la sua giunta in merito alla decisione di far costruire un luogo di culto ai musulmani su un terreno messo a disposizione dallo stesso comune. “Non è democrazia, questa. Siamo di fronte a un esempio di democrazia bulgara. Questi amministratori sono bolscevichi e non danno la possibilità a chi la pensa diversamente di esprimersi. Ieri sera c’erano fuori oltre 400 persone che avrebbero avuto da dire qualcosa contro. Non sono state messe nelle condizioni di entrare”. E, se si vuol ben guardare, su 29 interventi dal pubblico, ben 25 erano a favore dell’amministrazione, contro quattro contrari. E questo non è lo specchio della city, neppure lontanamente. “Abbiamo chiesto ai rappresentanti della minoranza di abbandonare l’aula. Non l’hanno fatto probabilmente per motivi di ordine pubblico. Oggi chiediamo le dimissioni del sindaco per manifesta irregolarità anche in questa occasione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti