14 Commenti

Arrestati per furto difesi da connazionali
Spiegamento di forze a Castelleone

Attimi di tensione a Castelleone nella notte di sabato. Gli agenti della polizia hanno fermato due uomini per furto, ma al momento dell’arresto sono stati circondati da una quarantina di persone che protestavano contro l’azione delle forze dell’ordine. Un massiccio dispiegamento di forze ha evitato che la situazione degenerasse.
Tutto è iniziato con una segnalazione del titolare di una ditta tra Sergnano e Casaletto Vaprio che ha chiamato il 113 dicendo di essere stato vittima di un furto di gasolio. Sul posto gli agenti della stradale di Crema che hanno dato inizio alle ricerche. Due romeni, P.A., del ’64, e A.I.L., classe ’87, si erano introdotti nella ditta, avevano asportato benzina da un mezzo, caricato le taniche e si erano dati alla fuga. Grazie anche al supporto dei carabinieri e alla targa, la stradale è riuscita ad identificare l’auto con la quale era stato commesso il reato, a Castelleone, nei pressi dell’abitazione di due romeni e ha fermato i responsabili. Mentre caricava gli autori del furto in auto, un gruppo di persone, circa una quarantina di nazionalità romena, ha circondato gli agenti per protestare contro l’arresto. Immediato lo spiegamento di forze in soccorso dei due poliziotti. Sul posto, un’altra pattuglia della stradale, i carabinieri, la questura e la finanza. L’arrivo delle forze dell’ordine ha funzionato da deterrente. Le proteste si sono calmate, senza l’utilizzo della forza, e i due romeni sono stati arrestati per furto aggravato in concorso e resistenza. E’ stata anche sequestrata l’auto, una Ford, con la quale era stato commesso il furto e recuperata la parte di refurtiva non ancora andata dispersa. Gli agenti valuteranno se, nell’ambito delle tensioni alla palazzina di Castelleone, ci siano profili rilevanti dal punto di vista penale. Intanto i due romeni arrestati sono stati processati per direttissima. Il giudice ne ha convalidato l’arresto e ha aggiornato l’udienza al prossimo 7 ottobre, in quanto il loro legale, l’avvocato Simona Bracchi, ha chiesto i termini a difesa. In attesa del processo, i due imputati restano in carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giancarlo

    Sono stato in Romania per tre settimane in trasferta lavorativa. Di sera uscivo senza problemi, non ho mai avuto casini, forse perchè i delinquenti sono tutti da noi. Là se rubi una bici e ti beccano finisci dentro senza processo. Sti maledetti vengono da noi perchè siamo il paese della finta giustizia, delle leggi inconsistenti e contano sull’impunità.

  • mr

    Fuori dalle balle. Non sono graditi.
    Io quando vado all’estero non mi sogno minimamente di fare il bandito.
    Perché li abbiamo presi in Europa? Perché? A questo punto chi se ne importa delle basi NATO?

    Evitiamo il solito, mieloso buonismo… Abbiamo già la nostra feccia, non abbiamo bisogno di prendere quella estera. I bravi Romeni, restano in Patria e contribuiscono allo sviluppo.

    Elogio alla Polizia

  • M.M

    Gentaglia da rispedire nel loro buco del c**o di posto

  • Mauro

    Sono cittadini rumeni. Non hanno i mezzi ed i “requisiti” per stare in Italia ? Se li riprenda la Romania e li mantenga il LORO stato. Bisogna aiutare la gente onesta in difficoltà non queste orde di delinquenti, che sono gli ultimi a volersi integrare e gridano al razzismo se qualcuno gli ricorda che ci sono regole, doveri e non solo diritti.

  • ITA

    Bell’Italia.
    Fanno ciò che vogliono.
    Sopra ogni regola, ogni istituzione…
    Avanti cosi…

    • Enzo

      Infatti sono stati arrestati mentre altri, italiani, sono liberi di fare quel che vogliono anche dopo tre gradi di giudizio.

      • ITA

        “infatti sono stati arrestati”….2/3 giorni di galera e poi liberi.

        • Enzo

          Il giudice ne ha convalidato l’arresto e ha aggiornato l’udienza al prossimo 7 ottobre, in quanto il loro legale, l’avvocato Simona Bracchi, ha chiesto i termini a difesa. In attesa del processo, i due imputati restano in carcere.

          • Samuele

            Ma perché devi paragonarli agli Italiani? Solo perché ci sono Italiani che commettono illeciti dobbiamo pigliarci anche quelli delle altre nazionalità?! No grazie

          • Gianni

            Io non è che se il portafoglio me lo ruba un italiano invece di un romeno sono più contento.
            Te non so?

          • Marco

            Loro sono più contenti se vengono derubati da extracomunitari perchè trovano confermate le loro teorie, non aspettano altro tutto il giorno di sentire al telegiornale una notizia del genere…

          • ITA

            Ricordo a tutti che su 100 carcerati, 70 non sono italiani.
            quindi su 100 portafogli rubati,70 li rubano gli stranieri.
            Quindi se i delinquenti stranieri fossero spediti a casa, ci sarebbero 70 persone aa cui non viene rubato il portafoglio.
            Senza contare che i carceri non sarebbero pieni, che non si spendono soldi x mantenerli in carcere, per la manutenzione del carcere, processi, avvocati ecc….

          • Samuele

            Importante risorsa gli immigrati..

  • Basta con questa razza immonda,feccia della legalita’, rubano e poi credono di poter dettare la loro legge,adesso basta o ci pensa lo stato o ci pensiamo noi. Fuori dal suolo nazionale l’immondezza umana che appartiene a questa pseudo razza. Siano benvenuti invece chi lavora e non commette atti criminali, ma con chi si comporta al di fuori dalle regole si deve usare metodi DRASTICI.