9 Commenti

Ciclabile per Izano,
taglio del nastro durante
la Settimana della Mobilità

Pronta la ciclabile tra Crema e Izano. Una delle tante ciclabili attese da anni, è stata terminata. Finanziata negli scorsi mesi, è la prima delle ciclabili che dovrebbero unire la città con i comuni limitrofi ad essere terminata. Ora mancano ancora quelle per Offanengo, (attesa da anni), Campagnola e Madignano per le quali bisognerà aspettare il reperimento delle risorse necessarie.
Intanto sabato 21 settembre alle 9,30 il taglio del nastro di quella per Izano.
Un’opera voluta fortemente dal comune di Crema in collaborazione con il comune di Izano e la Provincia di Cremona. L’inaugurazione rientra nel programma della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, che vuole promuovere ed incentivare l’utilizzo della bicicletta.
“ La bici in città – afferma l’assessore alla Mobilità Giorgio Schiavini – è infatti un mezzo di trasporto comodo, veloce, economico e rispettoso dell’ambiente, oltre che essere salutare. In molti tragitti cittadini è addirittura più veloce del mezzo pubblico. Sono molto soddisfatto della realizzazione di quest’opera resa possibile grazie al contributo e alla collaborazione proficua tra Comune di Crema, Comune di Izano e Provincia di Cremona”.
“Il nostro intento – afferma il sindaco Stefania Bonaldi – è quello di proseguire con la realizzazione di altre piste ciclabili che collegano Crema con i paesi limitrofi . E’ tra le priorità del nostro programma quella di incentivare l’ uso di una mobilità dolce, caratteristica della bicicletta Abbiamo scelto di investire le poche risorse di cui disponiamo proprio nelle piste ciclabili. E’ quello che ci chiedono i nostri abitanti ma è anche quello che ci chiede la Commissione Europea con iniziative come queste, oltre che essere perfettamente coerente con i valori nei quali crediamo”.
Soddisfatti per l’opera compiuta anche l’assessore provinciale ai Trasporti, Giovanni Leoni e il presidente della Provincia, Massimiliano Salini.,
“La rete di piste ciclabili del territorio – dichiara, infatti, Leoni – si va sempre più consolidando. La Provincia di Cremona è impegnata a portare a termine una lunga serie di interventi che stanno creando in tutto il territorio provinciale un reticolo che permette agli abitanti di spostarsi meglio, creando al tempo stesso una grande attrattività dal punto di vista turistico”.
“La pista ciclabile che collega Crema a Izano – fa eco il presidente Salini – è un intervento molto importante, perché collega la città di Crema al bellissimo Santuario della Pallavicina. Siamo molto soddisfatti di essere riusciti, in collaborazione con i Comuni di Crema e Izano, a trovare le risorse e a portare a termine l’opera, per consegnarla ai cittadini che tanto la aspettavano. In una fase di grande ristrettezza di risorse come quella attuale è importante riuscire comunque a dare risposte alle richieste del territorio”.
Per raggiungere la ciclabile è previsto il ritrovo in piazza Garabaldi, rigorosamente in bicicletta alle 9 di sabato mattina.
Successivamente dalle 10.30 alle 19 verranno presentati, in piazza Duomo, i nuovi bus Euro 6, ecologicamente all’avanguardia che viaggeranno sulla nuova Paullese. Sarà anche l’occasione per illustrare le linee di trasporto dell’area cremasca.
Alle 10.30, infine, presso la Sala Consiliare del Comune di Crema avrà luogo il convegno in materia di Trasporto Pubblico Locale, curato da comune di Crema, Autoguidovie e Provincia di Cremona. Saranno presenti il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi l’assessore alla Mobilità del Comune di Crema Giorgio Schiavini, l’assessore regionale ai Trasporti, Maurizio Del Tenno e il presidente della Provincia di Cremona, Massimiliano Salini.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Lollo

    Ma come hanno fatto a reperire i fondi se non hanno assunto un fundraiser? Spiegatelo alla maestrina Bonaldi e ai suoi alunni della giunta!

    • Bepi

      Le risorse si dividono in:
      1. risorse che si hanno
      2. risorse che non si hanno ma si vorrebbero avere.

      Le risorse 1 si spendono (per fare ciclabili)
      Le risorse 2 bisogna in qualche modo reperirle (anche con figure professionali) per realizzare anche le altre ciclabili.

      Caro Lollo, ora ti è più chiaro il quadro?
      Bepi

  • Carlo

    “Ora mancano ancora quelle per Offanengo, (attesa da anni), Campagnola e Madignano per le quali bisognerà aspettare il reperimento delle risorse necessarie.”

    Per completezza di informazione, i comuni di Offanengo, Madignano e Campagnola hanno già realizzato la parte di loro competenza, reperendo le risorse necessarie

    • ITA

      Ma qualcuno crede ancora alle promesse del comune di crema?

    • ma i Comuni di Offanengo, Madignano e Campagnola sono rette da Amministrazioni di destra o di sinistra? questo potrebbe aiutare a capire i ritardi nella ultimazione della ciclabile per la sola parte a carico del Comune di Crema…

      • Gianni

        Offanengo e Campagnola storicamente di centrodestra, Madignano storicamente di centro-sinistra: più che il colore politico mi sa che si dovrbebe sapere che i Comuni sotto i 10.000 abitanti fino allo scorso anno non avevano vincoli per il patto di stabilità (ossia potevano assumere mutui, ecc.) mentre il Comune di Crema è dal 2006 che deve rispettarne i limiti sempre più stretti. Buona sera

        • Risposta in politichese che non aggiunge nulla alla mia domanda. Ho capito solo una cosa, che la prima ciclabile che sarà messa in cantiere sarà quella per Madignano, o no?

          • ITA

            Credo nessuna…

          • Giuseppe

            E’ molto berlusconiano distribuire sprezzanti patenti di “politichese” a chi spiega come stanno le cose e senza peraltro scendere in polemica con nessuno perchè se a Crema il Patto di stabilità da rispettare è dal 2006 vuol dire che ha colpito l’ultimo periodo della Giunta Ceravolo, l’intero periodo della Giunta Bruttomesso ed ora la Bonaldi.
            Mi sembra oltretutto una spiegazione valida visto che in precedenza erano state fatte le ciclabili verso Cremosano e verso Pianengo e i tratti fino s.Stefano (per avvicinarsi a Campagnola), a s.Bernardino (per avvicinarsi a Offanengo) e Castelnuovo (Per avvicinarsi a Madignano), il cui completamento combinazione si è fermato dopo il 2006