Un commento

Elettricista derubato,
scoperti gli autori:
sono due nomadi sinti

Sono stati identificati gli autori del furto messo a segno verso la fine dello scorso febbraio ai danni di un elettricista. Si tratta di una nota coppia di nomadi sinti di 41 e 38 anni allontanatisi dal campo di via Idro per le recenti operazioni e non ancora rintracciati. Secondo gli inquirenti, i due, una specie di “Bonnie e Clyde”, fanno parte di un’associazione per delinquere finalizzata a commettere furti, un’associazione che opera a largo raggio, principalmente ad est della metropoli e nella Martesana. La denuncia di furto era stata sporta dall’elettricista presso i carabinieri di Rivolta. L’uomo aveva raccontato che ignoti, tra le 8 e le 11,50, avevano sottratto dal suo furgone, lasciato in sosta nei pressi del cantiere, gli attrezzi di lavoro. I ladri avevano aperto il portellone laterale che non era chiuso a chiave, in quanto l’elettricista lavorava nelle vicinanze. Il bottino: una chiodatrice a gas, un trapano a percussione, un trapano elettrico, un seghetto alternativo, una saldatrice e un avvitatore a batteria. A seguito dei precedenti furti, sul veicolo, spesso incustodito, era stata installata una piccola telecamera interna che aveva filmato la scena, poi riversata su supporto cd. Il danno ammontava a circa 2.750 euro, non coperto da assicurazione. Acquisito il filmato, i carabinieri sono arrivati a scoprire l’identità dei due autori che sono stati denunciati presso la procura di Crema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Fra Cristoforo

    Tutto nella normalitá, zingari….ci pensa l’Avv. boldrini a difenderli….