7 Commenti

Aria malata nel Cremasco
Primo week-end di marzo
con Pm10 alle stelle

Aria di marzo malata. Nei primi tre giorni del mese ancora livelli di polveri sottili alle stelle. Dopo un mese di febbraio relativamente “tranquillo”, (a febbraio non sono disponibili i dati di cinque giorni) con picchi per soli dieci giorni tra i quali il 15 febbraio con pm10 da allarme rosso, 140 microgrammi per metro cubo, contro le 50 consentite per legge, il primo week-end di marzo sul fronte inquinamento è da cancellare. La centralina di via XI Febbraio ha segnato da venerdì valori oltre il limite: 60 microgrammi il primo marzo, 83 microgrami di Pm10 il 2 e 3 marzo. E non va meglio a Rivolta d’Adda dovi i livelli sabato e domenica hanno superato i 90 microgrammi (91 sabato e 92 domenica).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Lollo

    Ma il sindaco conosce il significato inquinamento? Qualcuno le spieghile conseguenze! Bloccare le auto il sabato e la domenica, chi viene dai paesi venga in bicicletta o rimanga al suo paese! Se poi costruiscono la mosche il venerdi’ sara’ impossibile muoversi, centinaia di vecchie ed inquinanti auto arriveranno per la preghiera! Andate il venerdi’ a Segrate e vedrete cosa succede….provate per favore!

    • Organista

      ahahahahahahahahah e ora l’inquinamento arriva da chi prega in moschea.
      i vecchietti con macchine loro coetanee che vanno in macchina a messa anche se abitano a 20 metri dalla chiesa no?
      e chi al sabato va a ballare?

    • AlexC

      Perchè invece adesso cosa succede alla Colonia Seriana dove regolarmente la comunità islamica si trova a pregare il venerdì? Ma non vi sentite ridicoli che su qualunque problema si tiri in ballo il centro di preghiera islamico?? Altrimenti vogliamo calcolare l’inquinamento prodotto dai mezzi delle persone che vanno in chiesa il sabato/domenica? Ma daiii…

    • Mario

      Lollo non va a benzina ma ad alcool.

    • Carlo

      Anche i cattolici potrebbero raggiungere i propri luoghi culto, prevalentemente la domenica mattina, utilizzando mezzi alternativi all’automobile (ed evitare di parcheggiare sui marciapiedi o sulle strisce pedonali – vedi chiesa delle Grazie)
      Fossi il nuovo papa introdurrei, tra i vari peccati, il mancato rispetto del codice della strada.
      Amen

  • Organista

    Nel week end Crema era una jungla di macchine.
    Si deve però anche comprendere chi vive in un paesino e vuole farsi un giro in città, che alternative hanno?
    Zero bus, zero sistemi alternativi, parcheggi pieni e se liberi lontanissimi dal centro.
    Una città che vive solo tra via Mazzini e via XX settembre, senza aver decentrato nulla.
    Una nota infine su Piazza Garibaldi e il caos di macchine in quella zona(che non vuole essere assolutamente contro i commercianti in questione).
    Nell’angolo di fronte al noto panettiere della piazza, alla banca e al negozio di formaggi (e ripeto: la colpa non è loro) si crea sempre un caos incredibile di macchine parcheggiate ovunque con litigi e strombazzamenti vari. Come mai NESSUN vigile interviene? Eppure son sempre prontissimi a intervenire con i ragazzi del vicino punto Kepab perchè chiamati dalle solite vecchie megere che si sentono disturbate dalla presenza di visi neri poco raccomandabili (la maggior parte dei quali cammina invece che guidare).
    Eppure basta parcheggiare in modo irregolare alla buca o al parcheggio delle mura e la multa è assicurata. In quell’angolino di Garibaldi i vigili son tutti ciechi ?

  • Ste

    la giunta cosa aspetta a chiudere completamente la città di sabato e domenica?

    svegliaaaaaaaaaaaaa, biciclette e a piedi, bus in alternativa

    basta auto dentro le mura!!!!!