Ultim'ora
5 Commenti

Gran Carnevale Cremasco:
il gelo è nemico,
ma i carri piacciono

Carnevale è arrivato. La prima delle quattro sfilate ha preso il via oggi pomeriggio, colorando la città con stelle filanti, corindoli e tanti bambini e non solo in maschera. I carri allegorici dei gruppi Amici, Pantelù e Barabet hanno sfilato partendo puntuali  da piazza Giovanni XXIII. Una prima sfilata che però, forse per il gelo che è arrivato puntuale con l’avvicinarsi dei giorni della Merla, è stata un poco sotto tono, con non molti visitatori, forse meno di un migliaio. Ci sono ancora tre domeniche comunque perchè i cremaschi arrivino ad ammirare i carri in tutta la loro bellezza. La sfilata accompagnata dallo storico speaker Marco Gipponi, affiancato da Gianluca Savoldi è stata aperta da uno spettacolo di dame settecentesche e di giocoleria col fuoco. Cinque i carri in gara: i due dei Barabet intitolati “Con la testa fra le nuvole” e “Cacciamo il Re”, quello dei Pantelù di Renato Stanghellini con il carro dei Flinstone e i due de Gli Amici: i “Cuori infranti” e “Don Chisciotte e Sancho Panza sulle strade senza speranza”. Ospiti il carro “Gli scienziati” di Urago d’Oglio e “Benvenuti all’inferno” di Bagnolo Mella. Sui carri musica dal vivo con i Ciapa la Cioca e gli Avionic. A corollario delle sfilate la tante maschere e i tanti Gaget che hanno riempito la città. Appuntamento alla prossima domenica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti