Ultim'ora
Commenta

Colpito dal treno e ucciso sui binari
Il cane veglia il corpo del padrone

AGGIORNAMENTO – Incidente sui binari nei pressi di Capralba poco prima delle 10. A perdere la vita Alessandro Invernizzi, 61enne residente a Misano Gera d’Adda. L’uomo, pensionato, sposato e padre di due figli è stato colpito da un treno diretto a Treviglio (10462 da Cremona 08.43 a Treviglio 09.53). L’uomo secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, resa nota da Trenord, “avrebbe attraversato improvvisamente i binari in un punto non adibito al passaggio, finendo sotto il treno che sopraggiungeva in quel momento. Impossibile per il macchinista evitare l’impatto”.

Sul posto Vigili del Fuoco, carabinieri di Vailate e 118 in codice rosso. Inutili i soccorsi per l’anziano. Esclusa l’ipotesi del suicidio. L’uomo era in compagnia del suo cane, un dalmata, che dopo l’impatto è rimasto a vegliare il corpo del proprio padrone senza vita. Accorsi anche gli agenti della Polizia scientifica e della Polfer di Treviglio. Il cane è stato allontanato per permettere i rilievi e preso in consegna dai veterinari dell’Asl. Il cadavere dell’uomo è stato recuperato poco dopo mezzogiorno e trasportato all’ospedale di Crema.

Il treno è rimasto bloccato con i passeggeri a bordo «La circolazione dei treni  fra Crema e Treviglio, dopo l’incidente è stata riaperta intorno alle ore 12.30, una volta ottenuto il via libera dell’autorità giudiziaria. La circolazione si è svolta regolarmente da Cremona a Crema; per la tratta fra Crema e Treviglio è stato istituito un servizio di autobus sostitutivi. I passeggeri a bordo del treno coinvolto nell’investimento intorno alle 11.15 sono stati fatti scendere in sicurezza dal personale Trenord e hanno raggiunto Treviglio a bordo del treno 24769, partito da Treviglio alle 11.09 e diretto a Bergamo. Per consentire tali operazioni di soccorso, il treno 24769 e il corrispondente 24776 (Bergamo 12.21 – Treviglio 12.51) non hanno effettuato il servizio viaggiatori», spiega Trenord in un comunicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti