Ultim'ora
Commenta

Inside/Out scelta politica
Vailati: “Non abbiamo tolto
nulla all’emeroteca”

Orti sociali, Palabertoni, Bertolotti e Inside/Out. Questi gli argomenti caldi della prima ora del consiglio comunale, aperto con la richiesta del capogruppo di Servire il cittadino, Antonio Agazzi di modificare la dicitura sul cartello di via Giovanni Battista Lucini, il quale reca la scritta “pittore del XVIII secolo”, anziché del XVII, e con quella del consigliere del Movimento 5 Stelle, Alessandro Boldi in merito al rinvio a giudizio dell’ex sindaco di Spino d’Adda, Costantino Rancati, ora presidente del Collegio dei revisori dei conti di Crema.

ORTI SOCIALI

Tre i progetti messi in campo dell’amministrazione, e in particolar modo dagli assessori Maria Beretta, Fabio Bergamaschi e Giorgio Schiavini. Il primo denominato Urbi et Orti dedicato ai cittadini di Crema per il quale sono già state individuate sei aree. Il secondo Orto in condotta per gli studenti che sarà realizzato con la collaborazione dell’Istituto agrario Stanga e con la scuola Braguti. Infine un progetto Sì l’orto, dedicato ai ragazzi diversamente abili che sarà realizzato tramite Dote lavoro. A portare avanti il progetto Comunità Sociale Cremasca, il centro per l’impiego e la Caritas. Soddisfatto della risposta il capogruppo di Sel, Emanuele Coti Zelati.

BERTOLOTTI E PALABERTONI

E’ tornato sull’argomento, come promesso, dopo la discussione delle convenzioni, il consigliere del Pdl, Simone Beretta che con una lunga interpellanza chiedeva ulteriori delucidazioni sull’affidamento dei lavori del campo Bertolotti alla Pergolettese e del PalaBertoni alla Icos Crema. Affidamento, a suo dire, non regolare in quanto mancante di una pre-gara. Tutto fatto a regola d’arte secondo il sindaco Stefania Bonaldi che ha ricordato le pessime condizioni in cui versava il campo Bertolotti ora completamente sistemato. Nulla di specifico invece sui lavori al PalaBertoni che non sono stati effettuati. Insoddisfatto il consigliere del Pdl della risposta del sindaco, ha promesso che tornerà sull’argomento con domande ancora più specifiche. “Lei non ha risposto a nessuna delle mie domande”, ha specificato Beretta.

INSIDE/OUT E EMEROTECA

Nessun soldo tolto all’emeroteca per realizzare Inside/Out. Questa la risposta dell’assessore Paola Vailati all’interpellanza del consigliere del Carroccio, Alberto Torazzi. L’assessore ha ricordato i motivi, politici, ha specificato, che hanno portato la giunta ad aderire alla campagna internazionale per il diritto alla cittadinanza e la voto dei figli di immigrati nati in Italia, per poi cercare di smorzare la polemica secondo la quale si sarebbe tagliata l’emeroteca per realizzare il progetto. «I 3mila euro destinati a Inside/Out L’Italia sono anch’io, sono stati presi dal capitolo relativo alle spese di rappresentanza, e non da quello della cultura e tanto meno dall’emeroteca. Destinare 3mila euro all’emeroteca sarebbe stato come sminuirla, invece il nostro progetto è di potenziarla. Per quest’anno i quotidiani nazionali sono consultabili via web, mentre quotidiani e settimanali locali oltre al Corriere della Sera sono presenti cartecei. Il prossimo anno potenzieremo il servizio», ha spiegato l’assessore. Insoddisfatto il consigliere Torazzi: «Non è possibile usare i soldi pubblici per campagne politiche fa male alla politica. A questo punto se si fa una campagna per l’11% dei residenti, qualsiasi gruppo politico che ha quella percentuale di votanti potrebbe chiedere soldi pubblici per le sue campagne. E – ha proseguito Torazzi  non è possibile giustificare la bontà di una campagna perchè è internazionale, anche perchè certe guerre sono state combattute per via di campagne internazionali».

L’ASSESTAMENTO DI BILANCIO

Il consiglio è poi proseguito con la votazione dell’assestamento di bilancio e con la modifica del piano annuale delle opere pubbliche. Grazie alle 392mila euro di risorse arrivate per i comuni virtuosi e quindi slegate dal Patto di Stabilità, l’amministrazione, tra gli altri interventi, potrà realizzare la tanto attesa ciclabile per Vergonzana. L’assestamento è stato approvato con il voto di 16 consiglieri favorevoli e otto astenuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti