Commenta

Carabinieri in campo
nel cremasco: arresti,
denunce e violazioni

Carabinieri in campo in tutto il territorio cremasco. Sedici le pattuglie impiegate per contenere l’illegalità nei 48 comuni del comprensorio. Fermati 90 veicoli, identificate 155 persone, accertate violazioni al codice stradale per 1.550 euro, ritirate 7 patenti e sottratti 50 punti. Tre cittadini e quattro stranieri sono stati denunciati per reati commessi in flagranza, sequestrate dosi di stupefacenti e segnalati tossici alla competente autorità amministrativa.

In manette due pregiudicati:

I carabinieri di Pandino hanno arrestato Florina C., 23 anni, residente a Trescore Cremasco, in esecuzione ad un’ordinanza di carcerazione emessa dalla procura di Cremona che ha disposto il ripristino della carcerazione in seguito ad un furto commesso l’8 giugno scorso a Cremona;

A Castelleone i militari hanno arrestato Said E., 27 anni, domiciliato presso una comunità, in esecuzione ad un’ordinanza di carcerazione per la sospensione della misura alternativa dell’affidamento ai servizi sociali emessa dal tribunale di sorveglianza di Milano per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, incendio e resistenza a pubblico ufficiale. Tutti gli episodi sono stati commessi a Milano nel 2009.

Sette persone sono invece state denunciate in stato di libertà: si tratta di un ucraino 30enne residente a Milano e di un lituano 35enne di San Giuliano Milanese. I due sono stati ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di possesso ingiustificato di grimaldelli. Fermati ad un posto di blocco a Dovera a bordo di una Ford Focus con targa tedesca, i due sono stati trovati in possesso di una chiave alterata per forzare i blocchi di accensione dei veicoli e di due grossi cacciaviti.

Un operaio di 41 anni residente a Concorezzo è stato invece sorpreso a Dovera alla guida di una Ford Cougar con una patente falsa, sottoposta a sequestro penale. Il mezzo è stato sottoposto a fermo amministrativo e a sequestro in quanto non coperto da assicurazione obbligatoria.

Un operaio moldavo residente a Ricengo è stato sorpreso senza patente perché mai conseguita. Era a Crema in sella ad un motociclo Piaggio liberty intestato al padre. Il mezzo è stato sottoposto a fermo amministrativo.

Dalla stazione di Romanengo:

Un commerciante di 50 anni residente in centro a Crema è stato accusato di uso di atto falso. E’ stato fermato a Romanengo alla guida di un autocarro intestato ad un napoletano sprovvisto di assicurazione obbligatoria e con esposto un contrassegno assicurativo palesemente falso

Dalla stazione di Soncino:

Un muratore di 47 anni di Pumenengo è stato ritenuto responsabile di guida senza patente. A Soncino, alla guida della propria Golf, ha esibito una patente bosniaca non convertibile, benché residente in Italia da oltre un anno.

Cinque persone, infine, sono state segnalate dal nucleo operativo alla Prefettura di Cremona quali assuntori sostanze stupefacenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti