Ultim'ora
Un commento

Il Cremasco distretto più giovane,
ma invecchierà più di tutti

Proprio ieri il presidente della Fondazione Benefattori Cremaschi, Walter Donzelli ha presentato il bilancio consultivo del 2011 che presenta un disavanzo di 750mila euro, ed oggi, il gruppo di lavoro voluto dal primo cittadino Stefania Bonaldi, per monitorare e approfondire la situazione in merito alla terza età e decidere i futuri interventi, ha fatto il suo secondo incontro.

LA FONDAZIONE BENEFATTORI CREMASCHI

Da quanto illustrato dal presidente Donzelli a consiglio comunale, il cda punterà sul’Hospice per risanare i conti della Fondazione,  che passerà da otto a quattordici posti letto e sul risparmio dei costi a partire dai nuovi contratti che, come risaputo, saranno Uneba e non più della Sanità pubblica. Il presidente, che ha detto di non voler creare polemiche parlando della Cittadella dell’anziano, cassata dall’attuale amministrazione, ha comunque sottolineato il fatto che l’adeguamento delle strutture del Kennedy, resasi necessarie dopo il no al progetto della Cittadella, stanno creando una serie di problemi per via dei vincoli a cui è sottoposto lo stabile e della struttura stessa dell’ospedale. Un adeguamento che costerà circa 5milioni di euro. E tra soddisfatti della relazione e del lavoro del Cda e i contrari, sono spiccati gli interventi dei due rappresentanti di Rifondazione Comunista, Mario Lottaroli e Beppe Bettenzoli. Il primo ha invitato il Cda intero a dimettersi dopo che l’amministrazione ha cassato il suo progetto principe, il secondo ha messo in luce la poca soddisfazione dei Comitato dei parenti dei pazienti. Che invece, l’aver stralciato il progetto della Cittadella dell’anziani rappresenti un grave errore è l’opinione del coordinatore del Pdl, Simone Beretta.

CREMASCO ORA DISTRETTO PIU’ GIOVANE, MA INVECCHIERA’ PIU’ DI TUTTI

Cittadella o meno comunque l’amministrazione sta lavorando per avere un quadro completo della situazione e per decidere come agire in futuro. Il gruppo del quale fanno parte i consiglieri della commissione Politiche sociali e lavoro, ma che è aperto a tutti, ha elaborato una serie di statistiche relative alla popolazione anziana del comune. Ne è uscito che tra i tre distretti, Cremasco, Cremonese e Casalasco, quello del Cremasco è il più giovane, mentre il più vecchio è quello di Cremona, come presenza assoluta di persone con più di 75 anni. In percentuale la popolazione anziana del Cremasco si attesta al 9% contro il 12% degli altri due distretti. Ma al contrario l’invecchiamento della popolazione distrettuale interesserà in modo particolare il territorio cremasco. Già nel 2013 ci saranno oltre 700 ultra 85enni in più rispetto al 2008. In prospettiva (2038, 2043 e 2053) si ipotizza che il distretto cremasco vedrà un maggior numero di ultra 85nni rispetto agli altri distretti.

LA CITTA’ DI CREMA

Secondo le analisi del gruppo nella città di Crema vivono 8.120 ultra 65enni, dei quali 2.451 risultano esser soli e di conseguenza potenzialmente più esposti a condizioni di fragilità ed isolamento.

Dividendo il territorio cittadino in aree, il gruppo di lavoro ha evidenziato che il maggior numero di anziani con più di 65 anni si trova a Crema Nuova mentre il minore si trova a Castelnuovo. In termini di valore percentuale sulla popolazione residente nel quartiere emerge che: la concentrazione maggiore di anziani (+65) è sempre a Crema Nuova, mentre la minor percentuale è ai Sabbioni. Degli anziani presenti a Crema Nuova il 7,9% è solo.

Il tasso più alto di presenza di anziani (+65) soli è registrato a Crema Centro: 3,87%, nonostante la percentuale di anziani residenti sia quella inferiore. Crema Centro vanta anche un altro primato: quello della maggior percentuale di ultraottantacinquenni; il 5,60% mentre il resto della città si attesta intorno al 3,24%. Mentre è a Crema Nuova che si trova il maggior numero di anziani tra i 76 e gli 85 anni.

Infine suddividendo per fasce di età, il 12,02% della popolazione si pone nella fascia di età 65/75; l’8,23 % si pone nella fascia di età 76/85 e come detto il 3,24% si pone nella fascia di età ultra 85.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti