Ultim'ora
3 Commenti

Garanzia, i grillini rincarano la dose:
“Il Pdl vuole mantenere
lo status quo nelle società”

Commissione di Garanzia, il Movimento 5 Stelle torna sulla polemica, definita di basso profilo, lanciata dalla capogruppo del Pdl, Laura Zanibelli. Dopo la richiesta della rappresentante del Popolo della Libertà di un passo indietro da parte del presidente, Alessandro Boldi, espressione del Movimento 5 Stelle, reo di avere insieme al compagno Christin di Feo approvato il programma del sindaco Stefania Bonaldi.

Ma perchè tutto questo attaccamento del Pdl a questo posto? Questa la domanda dei grillini che rincarano la dose: «Forse perchè è importante assicurarsi che nulla cambi nell’universo delle Partecipate?» E può essere presidente e quindi garante “chi ha contribuito fino a ieri a creare questa situazione?”

Le domande arrivano spontanee soprattutto perchè in merito alla commissione, come specifica il portavoce Danilo Toninelli, era stato detto che si trattava di “un mero organo consultivo di relativa importanza”.

«La rigida candidatura di Boldi alla presidenza mirava appunto ad avere un occhio esterno, veramente libero da ogni tipo di interessi.

Le dichiarazioni del Pdl dimostrano chiaramente il loro netto attaccamento alla vecchia ideologia politica. Chi è opposizione vota contro e chi è maggioranza a favore. Nulla di nuovo e di inatteso per noi. Superfluo dire che il Movimento 5 Stelle non fa parte della maggioranza, quindi Boldi non si dimetterà dalla presidenza della commissione di Garanzia. Nella dichiarazione di voto fatta da di Feo è chiaro come la fiducia alle linee programmatiche sia stata una scelta di coerenza: molti punti sono in sintonia col nostro programma e, seppur con diversi dubbi su tempi, modi e reale intenzione della maggioranza di volerli realizzare, ci sembrava sbagliato non votare i nostri stessi progetti. Ciò ovviamente non ci impedirà di opporci con forza a tutto quello che riterremo sbagliato e non in linea con quanto deciso di volta in volta dal Movimento. Insomma, la solita, vecchia politica», concludono i grillini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti