Commenta

L’associazione cremasca “A.Privitera”
premia i lavori dei ragazzi del Munari
per il progetto “Prendersi cura della vita”

L’associazione cremasca per le cure palliative “Alfio Privitera” premia l’impegno dei ragazzi che hanno partecipato al concorso “Prendersi cura della vita”. La cerimonia è fissata per mercoledì 23 maggio alle ore 9.30 prsso l’Hospice Fondazione Benefattori Cremaschi, dove saranno esposte le opere realizzate dagli alunni del liceo artistico “Bruno Munari” e degli alunni delle scuole per l’infanzia e primarie di crema.  L’iniziativa era partita lo scorso anno con il corso “Come parlare di malattia e di morte con i bambini” pensato dall’associazione  Privitera e tenuto dalla dottoressa Patrizia Trimigno, psicologa e psicoterapeuta; da qui l’idea di proporre la creazione di elaborati grafici realizzati dai ragazzi con tecnica libera. Il bozzetto vincitore verrà trasformato in un pannello di alluminio da apporre sulla porta del reparto dell’Hospice cittadino.

GLI INCONTRI IN AULA

A partire dal prossimo settembre verranno inoltre riproposti gli incontri promossi dall’associazione all’interno degli istituti scolastici cremaschi, intitolati “Prendersi cura della vita” e dedicati agli alunni delle classi quinte e delle scuole secondarie inferiori e superiori. I volontari dell’associazoine affronteranno tra i banchi di scuola il tema delle cure palliative, con video inerenti e un questionario di valutazione finale.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti