Un commento

Conciliare tempi di vita e lavoro:
ecco le doti promosse da enti e istituzioni
per aiutare le famiglie del territorio

Doti e piani di sussidio, le istituzioni ci sono. Regione, Provincia, Asl e Camere di Commercio partecipano in progetti a sostegno di lavoratori e aziende per conciliare le necessità familiari con la vita lavorativa; nasce così un ventaglio di doti dedicate a donne, genitori in difficoltà o giovani lavoratori. “L’attenzione delle istituzioni e degli enti del territorio ha permesso di creare queste nuove possibilità, risorse pronte per rispondere alle necessità delle fasce in difficoltà lavorativa” commenta il consigliere di parità provinciale Debora Mossoni.  L’avvocato Rosaria Italiano, consiglierà di parità per il territorio cremasco, parla di dati locali: “Siamo di fronte a un progressivo invecchiamento della popolazione, in cui il 36,8% dei giovani tra i 23 e 24 anni vive ancora con la famiglia e più del 25 per cento della popolazione locale è formato da anziani”. Di seguito un vademecum delle opportunità da cogliere contattando gli enti coinvolti o direttamente gli uffici provinciali di Crema e Cremona.

LA DOTE CONCILIAZIONE
Aiutare le famiglie e in particolare le donne a unire i tempi di vita con quelli lavorativi, questo è lo scopo del fondo stanziato da Regione Lombardia, dedicato a madri e padri residenti nella provincia cremonese con figli nati dopo il 15 giugno 2010. Il valore massimo della dote è di 1600 euro e l’importo massimo riconoscibile ogni mese è di 200 euro; la dote viene riconosciuta per un periodo massimo di otto mesi, e consiste in un rimborso per l’utilizzo di servizi come asili nido, baby sitting, ludoteche o simili.

LA DOTE CONCILIAZIONE PREMIALITA’ ASSUNZIONE

In questo caso il contributo di mille euro è aperto alle micro e piccole medie imprese che assumono madri con figli sotto i cinque anni con contratti di almeno sei mesi o a tempo indeterminato; la dote ha lo scopo di favorire l’inserimento delle donne escluse dal mercato del lavoro o precarie.

LA DOTE CONCILIAZIONE SERVIZI ALLE IMPRESE
Si tratta di una consulenza aziendale gratuita per creare insieme piani di congedo e flessibilità, che può essere richiesta da imprese o cooperative con un massimo di 249 dipendenti che operino in provincia di Cremona, e con almeno una dipendente in maternità.

FONDI PER L’OCCUPAZIONE

Camera di Commercio di Cremona, Provincia e Fondazione Cariplo hanno stanziato 240 mila euro per contributi a fondo perduto destinati alle imprese del territorio per incoraggiare l’assunzione, con contratto di almeno 12 mesi o a tempo indeterminato, di uomini e donne disoccupate o che già hanno lavorato a tempo determinato.

FONDO GENITORI PRECARI

Il fondo di 51 mila euro istituito dal Ministero della Gioventù va a favore delle assunzioni a tempo indeterminato di giovani genitori under 35 disoccupati o precari, con una dote pari a 5 mila euro per ogni assunzione a tempo indeterminato fino ad un massimo di cinque assunzioni

FORMAZIONE
Per imprese, associazioni di categoria, consulenti del lavoro e commercialisti saranno organizzati momenti di formazione gratuiti per conoscere le opportunità di finanziamento rivolte alle aziende, in modo da diffondere una vera e propria cultura della conciliazione tra tempi di vita e lavoro.

Lidia Gallanti

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Elisa

    il 90% (e sono ottimista) delle famiglie non potrà usufruire di queste agevolazioni!!! Che senso ha?? Ancora una volta tanto fumo e poco arrosto!!! Tempo e soldi specati.

    Elisa