Commenta

Distretto diffuso del commercio Visconteo:
arriva il marchio di qualità europeo

I comuni del Distretto del Commercio Visconteo, hanno presentato questa mattina, nella splendida sala che ospita il Consiglio comunale di Pandino, all’interno del Castello Visconteo, un importante riconoscimento: il marchio di qualità europeo Qm Tocema.
Si tratta di una certificazione rilasciata solo a quelle realtà, che si distinguono per migliori performance a livello europeo.

ATTENZIONE AL TERRITORIO

Oltre al, sindaco di Pandino Donato Dolini, che si è soffermato sul tema della valorizzazione delle iniziative commerciali del territorio, presenti i sindaci o i rappresentanti degli altri centri che costituiscono il Distretto, Agnadello, Dovera, Rivolta d’Adda e Spino d’Adda. Per Dolini, l’obiettivo è quello di proseguire su questa strada “per costruire qualcosa che va oltre la durata di ogni singola amministrazione”.
A spiegare l’importanza della certificazione sono stati, il responsabile della direzione generale commercio, turismo e servizi della regione Lombardia Enrico Capitanio, la vicepresidente dell’Associazione Town Center Managment di Tocema Europe Elena Franco, che ha seguito i vari aspetti della certificazione, il presidente di Confcommercio Cremona, Claudio Pugnoli.
In sala anche i rappresentanti del Comitato commercianti pandinese di recente costituzione.

NON E’ UN TRAGUARDO

Enrico Capitanio ha puntualizzato come il risultato ottenuto dal Distretto, non va visto come un traguardo, ma come un punto di partenza: “Si parte dal commercio, ma la trasformazione in atto riguarda l’intero territorio”, ha detto Capitanio, secondo il quale, quello pandinese è uno dei migliori distretti della Lombardia.
“Quando un distretto produce risultati – ha commentato Capitanio – fa diventare il territorio di riferimento più conosciuto all’esterno”.
Il dirigente regionale ha affrontato anche il tema della grande distribuzione, del suo rapporto con il territorio e le possibilità che apre la certificazione, rispetto all’individuazione dei punti di forza e quelli di debolezza del distretto.

CERTIFICARE UN MODO NUOVO DI LAVORARE

Parte dall’Europa l’intervento di Elena Franco, che sottolinea come sia fondamentale riconoscere chi opera bene e chi lo fa impostando un lavoro, che possa proseguire nel corso degli anni.
Inoltre la Franco si è complimentata con coloro che hanno portato avanti la pratica, anche perché nel giro di pochi mesi è arrivato questo primo risultato, che apre la strada al livello successivo: la certificazione Iso.

CONFCOMMERCIO CREMONA C’E’

I Distretti del commercio rappresentano un’innovativa modalità di valorizzazione territoriale, promuovendo il commercio, come fattore di aggregazione, in grado di attivare dinamiche non solo economiche;  i distretti diffusi, come quello Visconteo, che coinvolge più amministrazioni, assolvono ancora di più questa funzione.
Per Claudio Pugnoli: “Sono strumenti utili per il commercio di vicinato e per le amministrazioni comunali – ha detto Pugnoli – e mi auguro che la regione non li abbandoni”.
Il presidente di Confcommercio Cremona ha poi chiuso il suo intervento, dicendo che con l’apertura dei nuovi uffici a Crema, la sua struttura sarà ancora più vicina alle tematiche del cremasco.

Ilario Grazioso

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti