Commenta

Poco pubblico al Carnevale Cremasco,
in campo anche l’assessore Mariani:
“Valorizzare un patrimonio della città”

– Il Carnevale Cremasco (foto Giulio Giordano)

 

Il Carnevale Cremasco è un patrimonio della città, non lasciamocelo sfuggire. È la sintesi dell’intervento dell’assessore alla Cultura Paolo Mariani, che parte da una considerazione: l’evento, il principale nel suo genere in Lombardia, merita una cornice di pubblico e un’attenzione maggiori. Insomma, l’invito di Mariani è: vincere la morsa del gelo anche attrevarso il calore che il Carnevale sa sprigionare.

INTERVENTO

Paolo Mariani

“Domenica – precisa Mariani – ho assistito alla seconda sfilata. Straordinaria per ricchezza e varietà di carri e gruppi. Il Carnevale di Crema è da quest’anno tra i dieci più importanti d’Italia. Da tempo è il primo in Lombardia. Dopo avere ben superato le avversità meteorologiche della passata edizione si è presentato quest’anno ancora più bello, più ben strutturato, più ricco. Domenica la sfilata è stata da manuale, da menzione d’onore. Peccato dicono gli organizzatori per la “poca gente” a causa del freddo e della spruzzata di neve. Anch’io dico peccato ma solo a metà in quanto sono abituato, da tempo, a non valutare e considerare la bontà di un evento dall’affluenza di pubblico. A Parigi la notte bianca si celebra il primo sabato di ottobre e quella notte nelle piazze e nei boulevard si riversa il mondo indipendentemente dal tempo. Le piazze delle fredde città del nord Europa sono traboccanti di gente in molte occasioni durante il loro rigido inverno e non solo come si vede in televisione in occasione del capodanno. Noi italiani siamo in generale più meteosensibili di altri popoli. Se facessimo una notte bianca ad ottobre andrebbe, sicuramente, deserta”.

Eppure, sottolinea, l’assessore, uno studio recente ha considerato il Carnevale Cremasco all’altezza per contenuto, espressione artistico/culturale e capacità organizzativa a quello della città di Cento, dove si registrano 50.000 presenze e il biglietto costa 15 euro. “Crema – conclude Mariani – ha per il Carnevale, e non solo ovviamente, una potenzialità veramente straordinaria non facciamocela sfuggire. Domenica la spruzzatina di neve ha dato alla sfilata un’immagine fatata, magica; carri allegorici, personaggi in costume, giochi di colori, musica sono stati proiettati in una scenografia da film. Peccato non esserci stati”.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti