Ultim'ora
Commenta

NewCo, si riflette ancora
Occhi puntati sulla Lega Nord
Riunione congiunta del direttivo
alla ricerca della linea comune
auspicata dal segretario Giorgetti

– La manifestazione di domenica a Milano contro il governo Monti (foto Varesenews)

 

NewCo, si va verso il rinvio del dibattito in sala degli Ostaggi. Il consiglio comunale, alla luce del decreto Monti che fa slittare al 31 dicembre il termine per la ridefinizione della gestione nel servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, potrebbe accogliere un’istanza del sindaco Bruno Bruttomesso e riflettere per qualche settimana ancora sul tema.

LE POSIZIONI

La partita, infatti, resta apertissima, con il centrosinistra schierato in modo compatto per il No alla delibera che conferirebbe a Scrp il mandato per la costituzione della società mista e il centrodestra che non appare compatto sul Sì.

LA LEGA NORD

Insomma, Bruttomesso eviterebbe volentieri il passaggio dalle forche caudine della conta in aula, senza prima aver garanzie numeriche dai suoi. Il centrodestra attende segnali soprattutto dalla Lega Nord. Lo scorso week end per il Carroccio è stato piuttosto movimentato e non solo per la massiccia manifestazione governativa di Milano, alla quale hanno partecipato un centinaio di cremaschi. Il direttivo provinciale, infatti, si è riunito due volte in 24 ore. La prima a Crema, la seconda a Soresina, in seduta congiunta, alla presenza degli esponenti del direttivo cremonese e del viceresponsabile enti locali della Lega Lombarda, inviato da Giancarlo Giorgetti.

DIRETTIVO CONGIUNTO

Proprio come indicato dal segretario nazionale, il Carroccio su gestione dell’acqua e NewCo è chiamato ad assumere una linea comune. Su questo aspetto, anche dal punto di vista numerico, pesano molto le dimissioni dei cinque cremaschi che hanno abbandonato il direttivo in contrasto con la segreteria. Si tratta di Eugenio Cerioli, Cristian Chizzoli, Annibale Doldi, Giuseppe Tomaselli e Raffaele Volpini. A loro è stato chiesto di ritirare le dimissioni, ma l’invito è stato declinato. In casa Lega, dunque, sta cercando di uscire dall’impasse. L’intenzione è riunire i sindaci cremaschi per metterli al corrente dei nuovi sviluppi. La partita, insomma, resta aperta ad ogni soluzione. Compresa quella del via libera in consiglio comunale a Crema.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti