Commenta

Grana Ato, Bonaldi a Bruttomesso:
“Atteggiamento incomprensibile,
ne riferisca in Consiglio”

Stefania Bonaldi è intenzionata a portare la vicenda del braccio di ferro sull’acqua in atto in questi giorni in seno all’Ato sui banchi del consiglio comunale. Severo il monito lanciato dalla capogruppo del Partito Democratico nei confronti del sindaco Bruttomesso.

IL SINDACO RIFERISCA IN CONSIGLIO

“In queste ore – afferma Bonaldi – abbiamo assistito ad un braccio di ferro tra cittadini e consiglio di amministrazione dell’Ato che segna una brutta pagina della storia per il nostro territorio. Mi unisco ai  61 sindaci presenti all’assemblea di venerdì sera nella difesa dell’acqua pubblica e nel chiedere le dimissioni del Cda e del presidente Raffaele Leni”. Per quanto concerne l’atteggiamento di Bruttomesso, Bonaldi sottolinea: “Ancora una volta il primo cittadino di Crema ha ascoltato chi tira le corde nella nostra Provincia e ha preferito starsene a casa dando la possibilità a Leni di esercitare il potere di una democrazia fasulla affermando che i sindaci presenti all’assemblea non rappresentavano il 50% più uno degli eletti pur essendo la maggioranza degli enti. Bruttomesso, Perri e gli altri sindaci del centrodestra hanno avuto paura a metterci la faccia e la loro giustificazione non basta. Siamo di fronte ad un argomento molto sentito dai cittadini. In centinaia ieri hanno sfilato per le vie di Cremona. Purtroppo i consigli comunali non sono stati presi in considerazione. Valuterò con il mio gruppo consiliare di ritornare sul tema acqua in consiglio comunale. Bruttomesso ha il dovere di assumersi le proprie responsabilità di fronte alla città”.

SEL PROMETTE UNA DURA CONTESTAZIONE A BRUTTOMESSO

Sulla stessa lunghezza d’onda si posiziona Sinistra Ecologia Libertà. Il coordinatore di Crema Alvaro Dellera parla apertamente di “atteggiamento vergognoso dei sindaci Perri e Bruttomesso che hanno collaborato al tentativo di far saltare il numero  legale” e promette un’aspra contestazione nei confronti dell’amministrazione cittadina nel corso del consiglio comunale in programma martedì.

A OFFANENGO

Nel frattempo il consigliere di minoranza Alex Corlazzoli (Quelli che Offanengo), ha presentato una mozione dove si chiedono le dimissioni del consiglio di amministrazione dell’Ato. E riferendosi al proprio sindaco Gabriele Patrini, assente all’assemblea di venerdì, chiede che dia conto del suo operato alla cittadinanza

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti