Cronaca
Commenta

Pergo, doppietta in casa? Intanto
c'è la Virtus Verona da battere

La Virtus Verona ha seri problemi in attacco, col peggior reparto del girone per numeri - appena 10 gol segnati di cui 2 nell’ultima sfida vinta a Trento - ma se non altro tiene in difesa, avendo incassato 17 reti, con la media di gran lunga migliore della zona calda della graduatoria del girone A di serie C

Due sfide interne, due sfide da sfruttare a pieno: perché in casa in questo campionato la Pergolettese ha sbagliato soltanto una volta e dunque l’occasione è buona – domenica contro la Virtus Verona e mercoledì contro il Novara – per provare a fare filotto, avvicinando così la parte più nobile della graduatoria.

Non sarà, domenica alle 14.30, un incrocio dall’esito scontato, perché è vero che la Virtus Verona è penultima in classifica, dunque la Pergolettese parte con i favori del pronostico, specie dopo il bel punto di Vercelli, ma va al contempo sottolineato il fatto che i veronesi sono stati capaci di vincere la loro prima sfida giusto nell’ultimo turno.

Insomma, la squadra di Luigi Fresco, caso rarissimo nel professionismo di presidente-allenatore da oltre vent’anni dello stesso club, arriva carica al “Voltini” e vogliosa di dare continuità al proprio percorso, che ha bisogno di prendere un passo sostenuto per staccare definitivamente il Piacenza all’ultimo posto e, al contempo, per vedere da più vicino la zona salvezza diretta, specie adesso che il Sangiuliano City ha ceduto un po’.

La Virtus Verona ha seri problemi in attacco, col peggior reparto del girone per numeri – appena 10 gol segnati di cui 2 nell’ultima sfida vinta a Trento – ma se non altro tiene in difesa, avendo incassato 17 reti, con la media di gran lunga migliore della zona calda della graduatoria del girone A di serie C.

Danti con 4 reti è l’elemento più pericoloso, mentre il nome di punta sempre in zona offensiva è quello dell’ex serie A Juanito Gomez, che a Verona ormai è di casa dopo le stagioni all’Hellas. Il terzo team di Verona città, insomma, ha caratteristiche che sanno renderlo rognoso: servirà una Pergolettese sul pezzo e soprattutto paziente. Uno dei nemici, domenica, potrebbe essere proprio il cronometro.

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti