Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Influenza, verso vaccino universale: test su ‘jolly’ contro 20 virus

(Adnkronos) – Gli scienziati lo considerano un “nuovo passo avanti verso il vaccino antinfluenzale universale”. E’ stato sviluppato da ricercatori dell’University of Pennsylvania, Usa, ed è un prodotto a mRna che contiene antigeni di tutti i 20 sottotipi noti di virus influenzali A e B. Con le sue nanoparticelle lipidiche su cui viaggia l’Rna messaggero, questo vaccino, nei test condotti dai ricercatori Claudia Arevalo e colleghi, ha prodotto alti livelli di anticorpi cross-reattivi e di anticorpi specifici per sottotipo nei topi e nei furetti e potrebbe proteggere gli animali dai sintomi della malattia e dalla morte dopo infezione con ceppi di influenza sia antigenicamente corrispondenti sia non corrispondenti. Il lavoro degli autori dello studio è pubblicato su ‘Science’. 

Gli esperti spiegano il senso di avere vaccini ad ampio raggio d’azione. Anche con una maggiore sorveglianza globale, osservano, è difficile prevedere quale ceppo influenzale causerà la prossima pandemia. Questo vaccino per 20 sottotipi di virus influenzali è importante perché la strategia utilizzata per realizzarlo potrebbe servire come base per i vaccini antinfluenzali universali, di cui si avverte il bisogno per i motivi evidenziati dagli studiosi. L’approccio di Arevalo e colleghi differisce dai precedenti tentativi di creare un vaccino antinfluenzale universale, perché include antigeni specifici per ciascun sottotipo virale, piuttosto che solo un insieme più piccolo di antigeni condivisi tra tutti. 

Sulla scia del successo avuto dai vaccini a mRna anti-Covid, i ricercatori hanno preparato 20 diversi mRna incapsulati in nanoparticelle, ognuno dei quali codifica per una diversa emoagglutinina, cioè una proteina virale altamente immunogenica che aiuta il virus a entrare nelle cellule. Dopo 4 mesi dalla vaccinazione, nei topi i livelli di anticorpi erano rimasti per lo più stabili, riferiscono gli autori.  

Negli animali i vaccini proteici multivalenti prodotti utilizzando metodi più tradizionali hanno suscitato meno anticorpi ed erano meno protettivi rispetto al multivalente a mRna, hanno osservato.  

In un articolo correlato, i virologi Alyson Kelvin e Darryl Falzarano discutono i risultati della ricerca, rilevando che “rimangono interrogativi sulla regolamentazione e sul percorso di approvazione di un tale vaccino che prende di mira virus dal potenziale pandemico ma non attualmente in circolazione nell’uomo”. 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.