Politica
Commenta

Il 26 novembre Azione e Italia
Viva per l’energia e lo sviluppo

Azione e Italia Viva hanno organizzato per sabato 26 novembre a Crema un incontro dedicato all’energia. Il convegno, strutturato come dibattito, sarà l’occasione per i partiti per comprendere le esigenze del territorio e per strutturare il programma politico futuro

“Ascoltare” il territorio per strutturare il futuro programma politico e dare la parola agli esperti in materia energia per avere un confronto diretto con la comunità. Questi sono sostanzialmente i due obiettivi principali del convegno che andrà in scena sabato 26 novembre a Crema nella sala cremonesi del Centro Culturale Sant’Agostino.

L’evento dal titolo “Energia e Sviluppo – Oggi con lo sguardo verso il Domani” è stato organizzato dalle forze politiche Azione e Italia Viva ed inizierà alle 9:30 con l’incontro con Giuseppe Zollino, responsabile energia e ambiente per la segreteria nazionale di Azione, per poi proseguire con un workshop che vedrà la presenza di molti personaggi di spicco del territorio.

Parteciperanno al dibattito infatti Caterina Avanza, consigliera politica al Parlamento europeo per la delegazione di Macron e membro della direzione nazionale di Azione, Fabio Bergamaschi, sindaco di Crema, Giovanni Biondi, membro della direzione provinciale di Italia Viva, Antonio Recinella, AD della Lumson di Capergnanica, Francesco Spreafico ed Ernesto Zaghen, produttore di biogas.

Secondo le forze politiche organizzatrici del convegno, è fondamentale avviare da subito una programmazione per non farsi travolgere dagli eventi in futuro, l’obiettivo non è infatti fornire risposte sull’oggi, ma è quello di averne per il domani grazie a progetti sul lungo termine.

“L’idea è quella di poter affrontare il tema dell’energia senza ideologia – spiega Tiziana Stella, organizzatrice del convegno – affidando la parola a chi è realmente competente in materia, sarà un’occasione di approfondimento per tutti”.

“Il convegno serve a dare una programmazione politica per il futuro – conclude Giuseppe Foderaro, Coordinatore Provinciale Azione – per guardare alla scelte da sviluppare a livello nazionale e regionale per la produzione dell’energia. Dobbiamo essere in grado di fornire alle nostre imprese un costo dell’energia basso, per renderle più competitive e per lavorare alla crescita del pil del nostro paese”.

Simone Guarnaccia

© Riproduzione riservata
Commenti