Cultura
Commenta

San Domenico: i 25 anni
della Moda al Marazzi

Inaugurata questa mattina alla presenza del presidente della Fondazione San Domenico, Giuseppe Strada, della dirigente scolastica dell’I.I.S. “Piero Sraffa”, Roberta Di Paolantonio e dell’assessora all’Istruzione, Emanuela Nichetti, la mostra che celebra i 25 anni di attività dell’indirizzo moda della sede Fortunato Marazzi.

“Modamania25”, il titolo che gli organizzatori hanno voluto dare, è un viaggio tra i capi iconografici, confezionati dagli studenti che si sono formati presso la sede di via Inzoli nel corso degli anni, con differenti tematiche: dagli abiti storici, ai capi originali realizzati con materiali riciclabili, dagli abiti da gran sera, ai raffinati abiti da sposa, fino alle sperimentazioni degli ultimi anni, che rendono concreta la complementarietà e l’integrazione tra gli indirizzi, come nel caso dei progetti che hanno visto insieme gli studenti dell’indirizzo elettronica e le studentesse del corso moda.

La mostra, attraverso le fotografie e i manifesti realizzati in occasione delle sfilate di fine anno, accompagna il visitatore in un percorso lungo 25 anni, fatto di iniziative, esperienze, progetti, creatività, colori, che hanno visto protagonisti studenti e docenti.

Per la dirigente dello Sraffa, Roberta Di Paolantonio, con questo evento la scuola intende rendere partecipe il  territorio delle capacità e delle professionalità proprie dell’indirizzo moda, e che negli anni hanno portato i giovani diplomati ad inserirsi nel mondo del lavoro. Da parte della Fondazione San Domenico, i complimenti alla scuola e la consapevolezza di essere parte attiva, nel dialogo costante con il mondo della formazione: “Noi vogliamo lavorare come Istituzione per la città e con un’attenzione particolare ai giovani, lo facciamo con la musica, con il teatro e anche realizzando queste collaborazioni con le scuole e quando le scuole sono brave è ancora più facile per noi collaborare” – ha detto Giuseppe Strada, parlando anche del legame personale con il Marazzi, sua prima scuola da
insegnante e con lo Sraffa, sua prima scuola da preside.

Ad un evento come questo, non poteva mancare una figura storica della scuola cremasca, Giampietro Bonizzoni, per oltre 30 anni, anima della sede Marazzi e da poco in pensione: “25 anni fa il Marazzi era esclusivamente maschile e con la preside di allora, Paola Strada, ci si chiedeva in che modo aprire ad un pubblico femminile – commenta Bonizzoni – fu lei ad aver avuto l’intuizione del corso moda, che ha ingentilito l’ambiente ed è stato un bene per tutti. Un’idea brillantissima, che ha trovato un grande sviluppo”.

Gli eventi celebrativi sono stati coordinati dalla docente del corso moda, Emanuela Thevenet B., con il coinvolgimento dei colleghi Sonia Carachino, Francesca Pollutri, Andrea Tosetti, Francesca Trezzi, Massimo Cappelleri e Lucia Capobianco.

All’inaugurazione di questa mattina hanno portato il loro contributo anche docenti, personale tecnico e studenti dell’indirizzo enogastronomico della sede di via Piacenza, che hanno preparato il buffet coordinati dal prof. Ferdinando Sapienza, mentre il servizio di accoglienza ha visto impegnate le ragazze dell’indirizzo tecnico turistico.

La mostra sarà visitabile tutti i giorni, dalle 16 alle 19, domenica, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Gli altri giorni, dalle 10 alle 12, ma solo su prenotazione, telefonando allo 0373.202814. Martedì 11 ottobre, alle 21, l’evento di chiusura, con la sfilata “My Personal Style”.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti