Cronaca
Commenta

CRE: Stalloni aperti,
domenica Concorso Ippico

Tutto pronto agli Stalloni per il 25° Concorso Ippico Nazionale, organizzato dal Centro di Riabilitazione Equestre di Crema, in collaborazione con il Centro Ippico Bressanelli: appuntamento dalle 8,30 fino alle 18 presso la sede di Via Verdi, affinché possa essere una bella giornata di sport, con una cornice di pubblico adeguata, anche perché dalla buona riuscita dell’evento di domani, dipende l’andamento del bilancio del Centro, la cui azione meritoria è
riconosciuta da tutti, ma per la quale sono necessari impegni economici che le sole casse del Cre non possono permettersi.

Nella lettera del presidente Alessandro Zambelli, di benvenuto a cavalieri ed amazzoni, il ricordo della nuova intitolazione del CRE, che da maggio scorso è dedicato all’indimenticabile figura di Carla Baccanelli Tolotti, che per il CRE ha dedicato gran parte della sua vita. Confermata anche per l’edizione di quest’anno, la collaborazione con il Centro Ippico Bressanelli, che da anni è sempre vicino, partecipando con il gruppo di concorrenti più numeroso.

“Con Marino Bressanelli, con i suoi istruttori e con i nostri volontari – scrive Zambelli – continuiamo a favorire la partecipazione dei cavalieri ed amazzoni più giovani, e di tutti i cavalieri ed amazzoni alle prime armi, presentando anche le categorie di salto più basse”. Da parte del CRE, ringraziamenti al Comune di Crema e Regione Lombardia per come garantiscono la sopravvivenza all’interno della struttura degli Stalloni e ringraziamenti sentiti anche alla
Fondazione Banca Popolare per il Territorio che ha mantenuto il suo supporto economico, agli altri sponsor ed a chi ci devolve il 5 per mille.

Come sempre, per tutte le attività del CRE, quindi anche per il Concorso Ippico, prezioso il contributo dei volontari, i quali hanno continuato a donare ore ed ore di lavoro disinteressato, e delle terapiste, che hanno garantito la prosecuzione del percorso di riabilitazione equestre per gli utenti, anche durante i mesi più complicati della pandemia.

i.g.

© Riproduzione riservata
Commenti