Cronaca
Commenta

Matteo Grondona non ce l’ha fatta,
era caduto dal tetto una settimana fa

Per una settimana intera è stato nel reparto di rianimazione del San Matteo di Pavia, ma alla fine non ce l’ha fatta. Matteo Grondona, 47enne di Spino d’Adda, non è riuscito a superare la caduta di circa 7 metri dal tetto della casa di sua sorella a Corte Palasio, un incidente che l’aveva ridotto in fin di vita la scorsa settimana a causa di un gravissimo trauma cranico.

Le sue condizioni erano parse da subito gravi, ma il tempestivo intervento degli organi sanitari aveva lasciato qualche speranza. Invece purtroppo ieri pomeriggio l’uomo si è spento, lasciando la moglie Petra Fugazza, consigliere comunale a Spino, ed una bimba di 7 anni.

Chi lo conosceva ne parla come un uomo dal carattere molto forte, sempre aperto alle discussioni ma senza mai mancare di rispetto e senza eccedere. Una persona di compagnia e molto responsabile, un bravissimo papà. Matteo era inoltre un grande tifoso della Juventus, andava quasi sempre all’Allianz Stadium per sostenere la sua squadra del cuore. Frequentava molto Spino d’Adda ed i suoi bar, per questo era conosciuto benissimo nelle zone.

Tutte le persone che lo conoscevano hanno ripetuto la stessa frase: “Non si può che parlare bene di Matteo”. Questo è il motivo per cui l’intera comunità è sotto shock per la sua scomparsa prematura.

Simone Guarnaccia

© Riproduzione riservata
Commenti