Cronaca
Commenta

Discarica Sergnano, Degli Angeli: "Monitoraggi
e messa in sicurezza ancora fermi"

Dopo un anno dal primo incontro tra Marco Degli Angeli, consigliere pentastellato di Regione Lombardia e il sindaco Angelo Scarpelli, in merito alla discarica di Sergano, il M5S torna sulla vicenda. “Ad oggi – dichiara il consigliere regionale – il clima di incertezze che perdura ormai da anni (la prima interrogazione in merito alla questione è del 9 ottobre 2018) è rimasto tale e da Regione Lombardia, rispetto all’ultima interrogazione (ITR 21498) che avevo depositato in data 17 maggio 2022, siamo ancora in attesa di risposte congrue da quasi due mesi, nonostante il sollecito fatto alla Giunta Fontana lo scorso 28 giugno”.

Dopo l’incontro dell’estate scorsa, Degli Angeli aveva dichiarato che qualcosa sembrava iniziasse a muoversi. “Peccato – ha poi specificato – che se le buone intenzioni erano state dimostrate, i fatti hanno dimostrato il contrario: dell’iter progettuale paventato dall’amministrazione Comunale, che oltre la messa in sicurezza del sito, comprenderebbe anche una campagna di monitoraggio dell’area, non si hanno notizie. Non riesco a capire i motivi di tutti questi ritardi e questa titubanza da parte del Comune”.

Tra l’altro, da un’interrogazione depositata il 27 aprile 2021 (ITR 21129 – Messa in sicurezza della discarica rifiuti abbandonati in località Binengo a Sergano), era emerso come nonostante la disponibilità regionale, il comune di Sergnano non avesse fatto ancora nessuna richiesta di finanziamento utile a superare le criticità ambientali emerse. Ma soprattutto considerando che lo stesso Comune, tramite pec lo scorso 29 marzo 2022, aveva chiesto al consigliere di farsi parte attiva con Regione al fine di far ottenere i fondi necessari all’amministrazione.

“In tal senso – chiosa Degli Angeli – ho spiegato al primo cittadino che l’onere di inoltrare la richiesta spetta all’amministrazione comunale. Sarebbe quindi utile comprendere – conclude Degli Angeli – se il comune di Sergnano abbia finalmente formalizzato la richiesta di finanziamento a Regione Lombardia e, soprattutto, se Regione abbia aggiornamenti in merito alla programmazione dei lavori e/o all’avvenuto monitoraggio ambientale tramite il posizionamento di piezometri a monte e a valle da parte del Comune”.

© Riproduzione riservata
Commenti