Cronaca
Commenta

Autoguidovie con i Comuni per
rilancio trasporto sostenibile

Per riconquistare il pubblico dei giovani Autoguidovie si affida a servizi innovativi, personalizzati e digitali. Questa la strategia per riportare studenti e pendolari ad utilizzare
i mezzi pubblici nata dalla collaborazione tra Autoguidovie e i Comuni del cremasco che insieme si sono posti l’obiettivo di una mobilità più sostenibile e al passo con i mutati bisogni dei clienti all’interno di un sistema di trasporto pubblico sempre più personalizzato.

Si tratta di una serie di incontri, all’interno di una strategia di ascolto e condivisione con i principali stakeholder, organizzati tra l’azienda, il Comune di Crema e gli istituti scolastici che ha preso il via a maggio. I primi incontri con alcuni Comuni, tra cui Bagnolo Cremasco, Offanengo, Romanengo, Soncino, Spino d’Adda, Pandino e Palazzo Pignano, hanno già dato un riscontro molto positivo: sono stati approfonditi gli aspetti di ‘fund-raising’ per convenzionare abbonamenti per studenti e pendolari da parte dei Comuni stessi verso i propri cittadini.

«Ringrazio i Comuni che hanno già aderito a questa iniziativa con entusiasmo. Abbiamo un obiettivo comune che è quello di offrire un servizio di trasporto su misura, sicuro, sostenibile sia dal punto di vista ambientale sia economico. Oggi la tecnologia e la pianificazione ci consentono di costruire un’offerta di mobilità non più passiva ma personalizzata, più vicina alle esigenze delle persone, e al contempo di potenziare i collegamenti. Questa modalità innovativa di trasporto sarà una risorsa e un importante valore aggiunto per gli studenti e i lavoratori» ha dichiarato Gabriele Mariani, Direttore Operations di Autoguidovie.

Inserendo i propri dati di mobilità nella sezione BUS2SCHOOL da App Autoguidovie, gli studenti accederanno ad agevolazioni sui titoli di viaggio e potranno scegliere in base alle loro esigenze tra l’abbonamento annuale Smart, che offre la miglior tariffa disponibile con possibilità di pagamento a rate mensili, disattivabile in qualsiasi momento e senza anticipi, o il mensile Flex, pensato per i mesi “parziali” come settembre e conveniente rispetto all’acquisto di altri abbonamenti di minor durata o biglietti.

“Autoguidovie punta non solo a un nuovo modo di progettare il servizio, ma anche a un’offerta tariffaria commerciale in grado di andare incontro alle esigenze delle famiglie in un contesto di costante aumento dei prezzi. Sostenibilità vuol dire anche dare una reale alternativa al trasporto privato per contrastare il caro energia, perché ai passeggeri che viaggiano sui mezzi pubblici per studio e per lavoro si deve offrire un valido incentivo per lasciare a casa il mezzo privato “- conclude Gabriele Mariani.

Cos’è Bus2school

BUS2SCHOOL non è solo tariffe speciali ma anche qualità del servizio. https://cremona.autoguidovie.it/it/bus2schoolIl progetto Bus2school rappresenta il forte impegno di Autoguidovie nel realizzare un servizio personalizzato sulle esigenze degli studenti, suggerendo ad ognuno la “miglior corsa” da utilizzare in modo da evitare affollamenti a bordo rendendo il viaggio più sicuro e veloce. Bus2School permetterà così di evitare affollamenti a bordo, incentivare la fidelizzazione al trasporto pubblico grazie a offerte tariffarie promozionali, offrire informazioni in tempo reale alle scuole, alle famiglie e agli studenti e contribuire ad offrire una viabilità migliore. Il nuovo servizio è rivolto a tutti gli studenti che provengono dalle località coperte dal servizio Autoguidovie e che utilizzano i servizi extraurbani. Come sostegno al lancio del nuovo servizio e quindi venendo incontro anche alle famiglie, Bus2school verrà accompagnato da un’offerta promozionale di nuovi titoli di viaggio scontati disponibili prima dell’avvio dell’anno scolastico.

Cosa fare

Basta scaricare l’app e registrarsi al servizio BUS2SCHOOL https://cremona.autoguidovie.it/it/bus2school.

Importante: ogni operazione (download App, Registrazione, Acquisto) deve essere fatta su smartphone dello studente, non del genitore o tutore. Per maggiori dettagli – qui il tutorial “Registrazione servizio bus2school”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti