Cronaca
Commenta

Una settimana di condivisione
per abbracciare la diversità

Mai più da soli, prenderà il via domenica 17 luglio la seconda edizione della settimana estiva voluta dalla Federazione Italiana Musicoterapeuti presso la Casa
del pellegrino

Un’occasione per stare insieme, sperimentare varie forme d’arte, rilassarsi ed imparare a guardare “i propri figli con occhi diversi”. Questa in estrema sintesi è la seconda edizione della settimana estiva Mai più da soli, proposta a bambini e ragazzi con disabilità e rispettive famiglie che si terrà dal 17 al 23 luglio presso la Casa del pellegrino di Crema. Voluta dalla Federazione Italiana Musicoterapeuti (FIM) in collaborazione con l’associazione Casa del Pellegrino non si presenta come un vero e proprio centro estivo, è rivolta a tutta la famiglia. Cuore dell’idea è farsi carico dell’intera famiglia, offrendo sia momenti da vivere insieme, sia attività specifiche per i vari membri (il bambino, i fratelli /sorelle, la coppia), perché la disabilità è una condizione di vita che riguarda non solo il bambino o il ragazzo ma anche la sua famiglia.

Il programma è ricco e contempla diverse attività condotte da professionisti. Dalla musicoterapia all’acqua relax (per i genitori e in collaborazione con Anffas Crema), l’arpa terapia (per i genitori), la clownterapia, attività montessoriane, attività ludico sportive, musica d’insieme (per fratelli e sorelle e bambini con disabilità), interventi assistiti con animali, incontri per i genitori con professionisti, visite guidate al Parco del Serio, animazione a cura del gruppo Scout. Prevista la partecipazione di 20 famiglie. La proposta è resa possibile grazie alla collaborazione di diversi partner: oltre ad Anffas Crema, anche Unità pastorale santa Maria della Croce, santa Angela Merici, santo Stefano, scuola dell’infanzia santa Maria della croce, Over limits, Vip Crema, Diversabilità, Studio Balestracci Beltrami, Agesci Crema 3. Fondamentale il sostegno
anche di diverse realtà: Banca Cremasca di Credito Cooperativo, hotel Ponte di Rialto, pasticceria Crema, farmacia Santa Maria della Croce, Alfa Disegni e di diversi professionisti: Giulia Cremaschi Trovesi, caposcuola della musicoterapia umanistica e presidente Federazione Italiana Musicoterapeuti (FIM), Simona Colpani, pedagogista, psicomotricista, co-fondatore del modello di musicoterapia umanistica, musicoterapeute della FIM: Paola Beltrami, Cecilia Zaninelli, Simona Ghezzi, Paola Mondonico, Elisa Pezzi, Valeria Pozzi per l’arte terapia, due insegnanti della scuola dell’infanzia per le attività montessoriane.

Come anticipato, quella in partenza la prossima settimana sarà la seconda edizione. “Un grande ritorno” anticipa Paola Beltrami, “per un’esperienza che intende lasciare il segno in ciascuno di noi. Il nostro obiettivo è offrire del tempo libero di qualità, creando occasioni di socialità, di aggregazione, di sorrisi e vicinanza dopo il periodo così complicato che tutti siamo stati chiamati a vivere. La parola d’ordine di questa esperienza sarà condivisione per tornare a fare insieme, oltre i limiti. Anzi, abbracciando i limiti di ciascuno di noi”.

LE ATTIVITA’

1) MUSICOTERAPIA
La musicoterapia umanistica è arte della comunicazione. Il suono è all’origine della relazione, del movimento e del linguaggio. Dialogare con i suoni attraverso la bellezza della musica favorisce lo sviluppo delle potenzialità del bambino e dà benessere ai genitori presenti agli incontri. Le attività nascono dal dialogo sonoro che si instaura con il bambino seduto sul coperchio del pianoforte a coda e i suoi genitori. L’improvvisazione comunicativa al pianoforte è fonte di giochi musicali anche con piccoli strumenti idiofoni, a percussione, a corda, a membrana. Il canto popolare infantile arricchisce gli incontri, lo scambio emotivo, l’ascolto e l’uso della parola.

2) ARPA TERAPIA (per i genitori)

L’arpa terapia consiste nel creare musica adatta alla persona, per favorirne il rilassamento, il lasciar andare le tensioni, l’affidarsi per rigenerarsi. È creare una “culla del suono” che abbracci, accolga, custodisca la persona. Perché il suono dell’arpa crea emozione, rilassamento, benessere, ottenuto da un profondo e tranquillizzante effetto sonoro, un vero e proprio massaggio corporeo semplice e naturale. Gli incontri di arpa terapia sono riservati alle mamme. Saranno un’occasione per fermarsi, per dedicarsi tempo, per entrare in contatto con se stesse e lasciar andare tensioni e stanchezza attraverso il rilassamento grazie al suono dell’arpa e con proposte di scrittura creativa.

3) ARTE TERAPIA

L’Arte permette di esprimere liberamente l’interiorità sia dell’adulto sia del bambino. L’uomo è più del suo corpo, e l’Arte terapia ci aiuta a conoscere questo di più, aiutando ad affrontare le proprie emozioni e favorendo l’espressione dei sentimenti. Attraverso l’esperienza dei colori stesi su tela e su fogli si potrà percepire la loro essenza. Ai bambini verranno presentate anche canzoncine e giochi con le mani, mentre per i più grandi ci sarà l’introduzione di poesie.

4) CLOWN TERAPIA E IMPROVVISAZIONE TEATRALE

Accoglienza clown, laboratori ludici, animazione, sculture di palloncini, trucca bimbi, bolle di sapone.

5) ATTIVITÀ MONTESSORIANE

La prospettiva montessoriana considera i sensi e il movimento come veicoli prioritari di apprendimento. In particolare il movimento della mano è per il bambino il mezzo privilegiato di conoscenza della realtà, ponte tra la mente e il mondo. Lo sviluppo della mente è fortemente correlato allo sviluppo della mano ed è per questo che la pedagogia montessoriana attribuisce particolare importanza a quelle attività tese ad affinare i movimenti fino-motori. Offriremo vassoi di attività per lo sviluppo fino motorio della mano (infilare-sfilare, setacciare, aprire chiudere, travasare solidi e liquidi, avvolgere, schiacciare, arrotolare, spazzolare, separare oggetti per qualità…).

6) GIOCHIAMO A FARE SPORT

Attività motoria inclusiva: lo sport come mezzo per far emergere le potenzialità della persona. Atletica, situazioni di gioco e giochi motori e sportivi. Saranno proposti giochi motori e sportivi, a corpo libero e con l’utilizzo di piccoli attrezzi. Staffette, percorsi motori e giochi propedeutici ai principali sport di squadra. Attraverso proposte ludiche, esploreremo la motricità e la gioia di fare sport.

7) MUSICA D’INSIEME (per bambini con disabilità ed i loro fratelli o sorelle)

Il laboratorio di musica d’insieme, dedicato ai bambini con disabilità ed i loro fratelli o sorelle è un’occasione per fare musica in piccolo gruppo. Un luogo e un tempo per ascoltare ed ascoltarsi, un momento di gioco, di espressione creativa di sé, di condivisione con altri bambini e ragazzi. Le attività, con cadenza giornaliera, saranno basate su giochi ritmici, canto e improvvisazione musicale.

8) INTERVENTI ASSISTITI CON ANIMALI – ATTIVITÀ CON IL CANE

Le attività assistite con gli animali permettono di instaurare una relazione con l’animale basata principalmente sulla sua cura e sul lavoro di reciproca conoscenza. Questo stimola i bimbi coinvolti a mettersi profondamente in gioco a livello emotivo con l’animale, scoprendone il carattere, il linguaggio e le esigenze. Le attività proposte si svolgeranno con la collaborazione del cane Cleo, Golden Retriever femmina di 4 anni. I bambini potranno sperimentare un primo approccio con il cane, attività di accudimento e gioco strutturato secondo le età e le abilità dei partecipanti.

9) ACQUA RELAX (per i genitori)

Nell’acqua calda della piscina Kered’Onda, si propone alle mamme e ai papà un “appuntamento relax” per sciogliere ogni tensione e godere del potere anti-stress dell’acqua. Immersi nella vasca riscaldata a 33 gradi, potranno rilassarsi e raggiungere il benessere psicofisico che l’acqua sa offrire.

10) INCONTRI GENITORI CON I PROFESSIONISTI

L’incontro con i genitori offre in primo luogo uno spazio di ascolto centrato sulla persona nell’ottica umanistica. L’approccio umanistico, che si rifà a Carl Rogers, prevede l’accoglienza e la valorizzazione dell’esperienza personale al di fuori di giudizi
e interpretazioni. Uno degli obiettivi è guidare all’apprezzamento di ciò che il bambino fa senza giudicarlo. Un altro obiettivo è quello di fornire un ascolto profondo per i genitori per la loro esperienza e le loro emozioni accogliendole considerando le risorse per costruire il presente e il futuro. Uno degli incontri sarà tenuto dalla prof.ssa Giulia Cremaschi.

11) VISITE GUIDATE NEL PARCO DEL SERIO

Un momento di svago per tutta la famiglia alla scoperta delle bellezze del Parco del Serio, guidati dalle guardie forestali. Un’occasione per conoscere la flora e la fauna del parco, ma anche per passeggiare in mezzo alla natura.

PROGRAMMA

Domenica 17 luglio
ore 16,00 accoglienza presso la Casa del Pellegrino
ore 18,00 presentazione della settimana con tutti i professionisti
ore 19,30 cena
ore 21,00 spostamento presso l’Hotel.
Da lunedì 18 a venerdì 22 luglio:
ore 8,45 ritrovo presso la Casa del Pellegrino,
ore 9,00 inizio attività
ore 9,00-12,00 attività educative e artistiche / animazione per fratelli /sorelle
ore 12,30 pranzo
ore 14,00 siesta/incontro genitori
ore 15,00- 18,00 attività educative e artistiche /animazione per fratelli e sorelle /
incontri con la prof.ssa Giulia Cremaschi e i professionisti.
ore 19,30 cena
ore 21,00. Rientro in Hotel o animazione serale.
Sabato 23 luglio: ore 8,00 colazione e partenza delle famiglie.

© Riproduzione riservata
Commenti