Politica
Commenta

Cresce l’attesa per la costruzione
della giunta Bergamaschi

Cresce l’attesa per la scoperta dei nomi che andranno a comporre la squadra di governo del neosindaco di Crema Fabio Bergamaschi. Stiamo entrando ufficialmente nel vivo di quello che rappresenta un vero e proprio momento fondamentale per l’amministrazione che nei prossimi cinque anni guiderà la città.

“Si è aperto il giro delle consultazioni, ma c’è comunque un clima di grande serenità – aveva dichiarato la scorsa settimana Bergamaschi – Questo mi sta mettendo nelle migliori condizioni per affrontare delle scelte. Abbiamo un eccesso di offerta di profili e di competenze e questo è solo un bene. Indicativamente il primo Consiglio Comunale sarà verso la metà di luglio (15)”.

Dunque tra circa una settimana i nomi degli assessori saranno resi ufficiali durante il primo Consiglio Comunale, ma non è assolutamente da escludere che possano essere resi noti già entro la fine di questa settimana.

Ricordiamo che il nuovo sindaco di Crema dovrà scegliere 3 donne e 3 uomini (essendo lui di sesso maschile deve garantire il 40% di quote rosa inserendo 3 donne nella giunta). I più sicuri del posto sono Cinzia Fontana del Partito Democratico, che ha letteralmente dominato la classifica dei candidati consiglieri ricevendo 341 preferenze, e Giorgio Cardile di CremaLab che ha portato a casa la bellezza di 218 voti.

La lista Crema al c’entro verrà rappresentata da un assessore e la “sfida” è tra Matteo Gramignoli, Debora Soccini e Cristina Piacentini. Entrerà nella giunta anche un membro della lista Crema Bene Comune, in questo caso il ballottaggio è tra Emanuela Nichetti ed Attilio Galmozzi. Dovrebbero chiudere la giunta Franco Bordo di Crema Aperta e Manuela Piloni, attuale segretaria del Circolo cittadino del PD di Crema.

Simone Guarnaccia

© Riproduzione riservata
Commenti