Cronaca
Commenta

Acquista online "droga dello stupro"
Arrestato: "Era per vincere timidezza"

Un 40enne cremasco è stato arrestato lunedì 27 giugno dagli uomini della Squadra Mobile di Cremona al comando del dirigente Marco Masia con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato trovato in possesso di un ingente quantitativo di Gbl, la cosiddetta “droga dello stupro”, oltre ad alcune dosi di Mdma. Davanti agli agenti, il 40enne si è giustificato dicendo di aver acquistato lo stupefacente per uso personale e per vincere problemi di timidezza con il prossimo. Complessivamente gli sarebbe durata tre mesi.

Gli investigatori cremonesi dell’Antidroga, grazie alla cooperazione con la polizia di Frontiera di Fiumicino e con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, erano venuti a conoscenza del fatto che il cremasco avesse acquistato su internet per 100 euro un notevole quantitativo di Gbl. Si sono quindi appostati sotto la sua abitazione in attesa che lo spedizioniere effettuasse la consegna. Una volta ritirato il plico, l’uomo è stato intercettato e bloccato dai poliziotti.

All’interno del contenitore sono state trovate due confezioni, una di 1.3 kg e l’altra di 0,4 kg contenenti una sostanza liquida viscosa che a seguito dei test è risultata essere Gbl, mentre in casa sono stati trovati e sequestrati anche 6 grammi di Mdma. La droga arrivava dall’Olanda. Il pacchetto era stato spedito in seguito ad un acquisto effettuato online attraverso un sito che lo presenta come prodotto detergente liquido con un’etichettatura conforme a un prodotto destinato alle pulizie domestiche.

Il quantitativo sequestrato dalla Mobile, se immesso sul mercato, avrebbe fruttato circa 15.000 euro, considerando che è sufficiente una singola goccia per ottenere l’effetto stupefacente e che la singola dose viene generalmente venduta ad un prezzo di circa 10 euro.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti