Cronaca
Commenta

Rapine, furti e violenza: indagati
4 giovani tra i 15 e i 17 anni

Negli ultimi mesi si sono verificati a Crema alcuni episodi di violenza che hanno avuto come protagonisti gruppi di giovani per aggressioni. In particolare un gruppo composto da tre ragazze e un ragazzo si è contraddistinto per aver utilizzato violenza fisica e verbale nei confronti di alcuni coetanei.

Le indagini svolte dal Commissariato guidato dal vice questore Bruno Pagani, hanno permesso di ricostruire i fatti e le modalità delle violenze. Lo scorso 5 febbraio i ragazzi hanno rubato una banconota da 5 euro ad una minorenne e successivamente l’hanno colpita con un pugno sul volto.

Il giorno successivo hanno colpito due ragazze di 16 anni con schiaffi e calci rubando il cellulare ad una delle vittime. Nello stesso giorno, per futili motivi, hanno preso a calci e sberle altre due ragazze, questa volta di 17 anni.

Lo scorso 10 marzo hanno rubato un telefono e 50 euro ad una ragazza di 13 anni, mentre il 19 marzo hanno preso a calci e schiaffi due ragazze di 15 anni in Piazza Garibaldi.

Le investigazioni svolte, attraverso l’analisi dei filmati delle videocamere di sorveglianza sia pubbliche che private, assunzioni a SIT di persone informate sui fatti e individuazione fotografiche, hanno permesso di ricostruire i vari episodi e di individuare gli autori dei reati, risultati essere tre ragazze e un ragazzo di età compresa tra i 15 e i 17 anni.

I 4 sono stati indagati alla Procura della Repubblica al Tribunale dei Minorenni di Brescia. Il GIP del competente Tribunale ha emesso nei confronti di due delle ragazze l’ordinanza applicativa della misura cautelare del collocamento in comunità.

I fatti però non rientrano nel fenomeno delle “baby gang”, in quanto vengono a mancare determinate caratteristiche come l’esistenza di un’organizzazione, una struttura gerarchica e delle regole ben definite all’interno del gruppo. La situazione è comunque monitorata e proseguono le attività investigative per far luce su altri episodi avvenuti nelle ultime settimane.

© Riproduzione riservata
Commenti