Cronaca
Commenta

Velodromo, proseguono i lavori:
oggi “pit-stop” con grandi campioni

Proseguono i lavori per la realizzazione del nuovo velodromo a Crema. Nonostante le molteplici difficoltà legate alla pandemia ed ai costi e reperibilità delle materie prime, il cantiere continua ad essere più operativo che mai. Questa mattina è stato fatto un “pit-stop” per verificare lo stato di avanzamento dei lavori, a cui hanno partecipato anche personaggi di spicco del mondo del ciclismo come Elia Viviani, oro olimpico a Rio, Stefano Pedrinazzi, presidente federciclismo della Lombardia, e Marco Villa, commissario tecnico della nazionale italiana di ciclismo su pista maschile.

Grande soddisfazione per la sindaca Bonaldi che però non farà in tempo ad inaugurare l’opera visto che il suo mandato sta per scadere: “I lavori hanno registrato dei rallentamenti, sia per il Covid, sia per costi e reperibilità della materia prima, ma comunque procedono: abbiamo chiesto nuovo cronoprogramma e la data finale è quella del 31 ottobre. Oggi abbiamo con noi personaggi di spicco del ciclismo come Pedrinazzi, Villa e Viviani, è un’occasione per fare il punto della situazione, anche perché avremo il sostegno della Federazione. Il progetto non è solo per l’agonismo, ma anche per i più piccoli e giovani. Il velodromo sarà dedicato al ciclismo, non ci sarà all’interno un campo da calcio. Mi spiace solo che abbiamo tanti cantieri e tanti soldi ma io non inaugurerò nulla. Questo progetto è stato molto complesso, sia perché il velodromo era stato inizialmente ceduto, sia per riuscire ad ottenere 1,8 milioni”.

Presente anche il candidato sindaco del centrosinistra Fabio Bergamaschi, attualmente assessore ai lavori pubblici: “Questa è una grande opera messa in campo dalla giunta Bonaldi, restituisce alla città un’attenzione agli sport, nonostante i periodi di difficoltà. Non è un impianto solo per Crema, ma per tutto il sistema sportivo nazionale. Non era stata data abbastanza evidenza al cantiere quando è partito, ma avere in questa giornata ospiti di questo calibro colma tutti i deficit di comunicazione del passato. Il cantiere non si è mai fermato, entro la fine dell’anno vorremmo restituirlo alla città. Ora si procede con la fase di fine è più delicata con la stesura del manto. Ringrazio Stefania Bonaldi e Walter Della Frera per aver portato a casa i fondi”.

Ha speso due parole sul progetto anche Walter Della Frera, consigliere delegato allo sport: “Un grazie enorme va alla sindaca per la fiducia di questi 10 anni. Dal primo giorno mi ha chiesto di occuparmi del velodromo ed abbiamo sempre lavorato insieme, ci siamo battuti per arrivare a questo risultato. È un’opera a cui tengo tantissimo, sono felice che ci sia il cantiere. Marco Villa mi ha supportato, Stefano Pedrinazzi ci ha sempre consigliato. L’opera è stata ottenuta e sta andando avanti. Grazie anche ad Elia Viviani per aver fatto questo passaggio nella nostra città”.

E’ intervenuto successivamente lo stesso Pedrinazzi: “Come presidente sono contentissimo. In Lombardia abbiamo solo 2 impianti in questo momento, uno a Busto Garolfo, l’altro a Dalmine (che l’anno prossimo deve chiudere per manutenzione). L’impianto è attrattivo anche per la sicurezza, è importante non mettere i ragazzi sulla strada”.

Hanno chiuso la conferenza i due big Villa e Viviani. Villa ha sottolineato come la medaglia di Elia Viviani abbia portato popolarità a questo sport e come Malagò lo chiamò proprio per riportare uno spazio di questo tipo a Crema. L’ex campione ha voluto precisare sui più giovani: “Vogliamo rimettete i ragazzini in bicicletta, qui è tutt’altra cosa rispetto all’andare in strada”.

Elia Viviani invece ha ringraziato l’amministrazione per l’invito ed ha chiuso: “A volte noi atleti non pensiamo al seguito che possono avere i nostri successi. Possiamo trasmettere agli altri obiettivi importanti e rilanciare un settore che magari non era al top in quel momento, come avvenuto a me dopo l’oro di Rio. Siamo orgogliosi che i nostri risultati portino a qualcosa di concreto. La sicurezza è un elemento imprescindibile ed il velodromo va in questa direzione. Spero di essere qui ad ottobre per l’inaugurazione”.

Simone Guarnaccia

© Riproduzione riservata
Commenti