Cultura
Commenta

I Cüntastòrie
alla Primaria di Ripalta

Nell’ambito del progetto sulla bellezza dell’arte, nei giorni scorsi presso la Scuola Primaria “Giovanni Pascoli” di Ripalta Cremasca (IC Fermi di Montodine), protagonista la poesia, grazie a “I Cüntastòrie” del settimanale diocesano “Il Nuovo Torrazzo”, Lina Francesca Casalini e Francesco Maestri, che hanno intrattenuto e coinvolto i bambini delle classi seconde, in una serie di poesie e filastrocche, terminando con una sorpresa, la breve performance ideata da Lina, che ha coinvolto anche gli alunni di seconda provenienti da Ripalta Guerina. Nel programma intitolato “il poeta come seminatore di stelle”, spazio a filastrocche e poesie, pastucìne in dialetto e infine la performance dei bambini di Ripalta Guerina. “Siamo qui con voi per entrare tutti insieme nella bellezza della poesia e della filastrocca, e vederle con questi nostri occhi e quelli invisibili del cuore” hanno esordito Lina e Francesco. Ai bambini è stato spiegato chi è il poeta, non un predicatore, né un filosofo, o un cavaliere, ma un artista seminatore, che mette nelle strofe il seme infinito del sentimento e della bellezza del mondo, veicolando un insegnamento fondamentale: guardare tutto con occhi nuovi e diversi.

Spiegare i poeti per farli amare, significa spiegare quello che loro hanno fatto e fanno per noi e questo non è difficile ai Cüntastòrie, hanno detto Lina e Franco, perchè amanti della poesia, con l’invito a immaginare in ogni strofa che si legge, parole che si vedono o meglio, si possono vedere, solo se si ascolta con gli occhi, con la mente e con il cuore.

Tante le domande e gli interventi dei bambini, che hanno partecipato con vivace interesse, terminando l’incontro con il brano, “L’Amico è” cantato e danzato da bambini, insegnanti e Cüntastòrie. L’iniziativa della scuola di Ripalta Cremasca è poi proseguita anche a Crema, al Museo, al S. Agostino e al Duomo, dove hanno visto la bellezza dell’arte, oggetti, quadri, monumenti che suscitano emozioni, raccontano il nostro passato e la nostra fiducia nella vita di tutti i giorni. ig

© Riproduzione riservata
Commenti