Politica
Commenta

Cremalab presenta
la lista in grande stile

Presentazione originale e creativa quella messa in atto dalla lista civica “Cremalab” mercoledì in piazza Garibaldi. La formazione a sostegno di Fabio Bergamaschi, ha portato in piazza un furgone vecchio stampo e ha mostrato i temi forti sui quali si batterà attraverso delle magliette colorate.

Il fiore all’occhiello è senza dubbio il fantastico pulmino Volkswagen T1 messo a disposizione di Cremalab dalla candidata Benedetta Chiodo, un mezzo del passato, perché ciò che di buono e bello è stato costruito va mantenuto e valorizzato, ma in marcia verso il futuro.

I giovani della lista hanno voluto puntare sui colori “che sono il simbolo della diversità e della ricchezza. Di voci, di pensieri, di prospettive, di sensibilità”.

Le magliette colorate erano ricoperte con le stesse scritte che saranno sui titoli dei volantini che nei prossimi giorni verranno mostrati. Protagonisti i temi principali sui quali CremaLab punta: “Lab come lavoro e sviluppo, come ambiente e spazi di vita e come benessere sociale, umano ed animale sui quali si impegneranno i candidati. Con loro ieri anche la sindaca Stefania Bonaldi che ha da settimane annunciato la sua non candidatura al consiglio comunale ma il suo appassionato sostegno a “Cremalab”.

Tutti i candidati hanno preso la parola, in primis il capolista Giorgio Cardile che si annuncia come novità nel panorama politico cremasco. Da notare la forte presenza di donne con professionalità e competenze da spendere: “Noi – hanno detto i candidati – abbiamo fatto fatica a trovare le quote azzurre”

La lista è composta da Giorgio Cardile, Annalisa Andreini, Martina Baldrighi, Gigi Cappellini , Camilla Ballini, Irene Barbaro, Valeriano Ciciriello, Marta Sophie Boselli, Alessia Bressani, Gabriele Cugini, Chiara Canesi, Benedetta Chiodo, Filippo De Stefani, Manuela Gargioni, Kary Labib, Paolo Nicardi, Anna Mainardi, Alessandra CarlaTerzi Mazzeo, Thomas Scotti, Rosa Maria Messina, Silvia Minari, Paolo Gorlani, Cinzia Miraglio e Sofia Rizzo.

© Riproduzione riservata
Commenti