Cultura
Commenta

Global Education Festival:
vittoria a Sanremo per il Marazzi

Grande euforia presso la sezione associata Fortunato Marazzi, che ieri ha festeggiato la vittoria al Global Education Festival (Gef), il festival mondiale di creatività nella scuola, al quale la sede di via Inzoli ha partecipato, con una delegazione di studenti di quarta e quinta degli indirizzi moda ed elettronica, guidata dai docenti Francesca Pollutri, Alessandro Scala e dall’assistente tecnica Lucia Capobianco.

La tre giorni sanremese si è conclusa dunque con la premiazione della scuola cremasca, avvenuta sul palco dell’Ariston di Sanremo, dove la prof.ssa Francesca Pollutri, docente referente del progetto, ha ricevuto il delfino d’argento, riservato ai vincitori della categoria fashion, quale riconoscimento per l’aver portato a Sanremo, il progetto più innovativo tra tutti quelli che hanno superato le selezioni previste dal bando. A premiare la scuola di diretta da Roberta Di Paolantonio, Monica Borsotto, componente la giuria e direttrice artistica della Maison Daphné di Sanremo, atelier fondato nel 1950.

Otto gli abiti realizzati nei mesi scorsi dagli studenti della sede Marazzi, che hanno utilizzato i tessuti luminosi contenenti la fibra ottica dell’azienda Dreamlux di Sant’Angelo Lodigiano, ed una base di costumi da bagno, realizzati utilizzando i materiali forniti gratuitamente dall’azienda Edo Mar di Offanengo.

I cablaggi di questi tessuti, con i quali sono stati creati gli abiti che hanno suscitato le reazioni positive degli addetti ai lavori presenti a Sanremo, sono stati progettati nei mesi scorsi, nell’ambito del modulo “Dalla scienza alla tecnologia”, del Pon Apprendimento e socialità, dai ragazzi delle classi quarta e quinta moda e della quinta elettronica, guidati dai docenti Andrea Tosetti e Alessandro Scala. “La nature et lumière”, è stato il titolo del tema scelto per gli abiti portati a Sanremo, e che le stesse ragazze dell’indirizzo moda hanno presentato in passerella ieri sera. Per la dirigente scolastica dell’Istituto Sraffa, Roberta Di Paolantonio, cui la sezione Marazzi è associata da qualche anno, la vittoria al Gef è il riconoscimento per il lavoro che studenti e docenti hanno fatto in questi mesi, ed anche per l’intero istituto Sraffa, che da sempre sostiene queste iniziative, garantendo adeguato supporto tecnico e investimenti nelle dotazioni laboratoriali, come testimonia l’inaugurazione del dicembre 2020 del nuovo laboratorio dell’indirizzo moda, grazie anche al finanziamento dell’amministrazione provinciale.

“Abbiamo gareggiato con scuole italiane ed estere, con un progetto che nei mesi scorsi avevamo presentato in formato cartaceo e digitale, ed in questi giorni nella sua realizzazione pratica, con gli abiti indossati dalle nostre studentesse – commenta Francesca Pollutri – ed il progetto è piaciuto tanto. Non è da tutti essere presenti sul palco di Sanremo e questo ci ha emozionato – commenta Francesca Pollutri – ancor più, quando abbiamo visto la calorosa reazione del pubblico alla visione dei nostri abiti e gli applausi che ci hanno tributato”. Commentando la vittoria sanremese, la docente ha voluto poi ringraziare coloro che hanno consentito il raggiungimento di questo risultato, in primis la dirigente Di Paolantonio, sottolineando l’importanza di favorire la partecipazione degli studenti a queste iniziative: “Dopo due anni complicati per il covid, questa è stata un’esperienza straordinaria” ha concluso la docente, che auspica sempre più iniziative come queste. “La partecipazione a questi concorsi è essenziale nel percorso di uno studente– ha aggiunto la docente referente del progetto – perché consente ai ragazzi di mettersi in gioco e di confrontarsi con i loro coetanei”.

© Riproduzione riservata
Commenti