Cultura
Commenta

“Alice nella città”, da sabato
apre la mostra a Castelleone

Sabato 30 aprile alle ore 18.00 “Alice nella città” dà finalmente luce alla lunga e intensa esperienza laboratoriale dal titolo Unonessunocentomila.

“Unonessunocentomila” è un esperimento narrativo condotto dalla fotografa Valentina Zanzi che, sfruttando il mezzo dell’immagine fotografica, ha voluto costruire e documentare realtà immaginate.

In una mostra allestita nella sala di Via Cicogna 5 a Castelleone, saranno esposte le immagini prodotte durante un anno di laboratorio nel quale cinque ragazze tra i 13 e i 16 anni hanno inventato e dato vita ad altrettante figure di donne.

Carolina Lupinacci, Marta Barnabò, Matilde Frosi, Arianna Golfati, Giada Demuru, questi i nomi delle giovani artiste che, partendo da una riflessione sul proprio volto e percorrendo le loro storie personali, hanno dato forma e concretezza alle loro creature: hanno dato loro abiti e professioni, hanno ipotizzato le loro paure e hanno prestato loro il volto.

Il risultato è in una serie di fotografie che documentano dei frammenti delle vite di queste cinque “donne immaginate”, cinque figure che stanno al di là dello specchio, oltre quel riflesso di noi stessi a cui siamo abituati e che mascherano ma non rendono invisibile l’identità reale.

All’interno della mostra una più piccola serie di fotografie, disegni e video, mostrerà alcuni momenti del percorso introspettivo che le ragazze hanno attraversato per giungere al risultato finale, percorso che ha coinvolto in una delle varie fasi di lavoro anche l’artista internazionale Cristina Nuñez in qualità di formatrice e facilitatrice.

Anche questo percorso fa parte della multiforme progettualità culturale di Alice e, più nello specifico, del progetto Alice community house, di cui la Fondazione Cariplo è co-finanziatrice. Come sempre l’ingresso alle iniziative di Alice è libero con tessera Arci in corso di validità.

© Riproduzione riservata
Commenti