Cultura
Commenta

Licia Tumminello si racconta
a “Incontri con gli autori”

Serata coinvolgente ed emozionante venerdì scorso, 15 aprile 2022, all’interno della rassegna “Incontri con gli autori” promossa dalla Pro Loco di Izano presso la Biblioteca Comunale, con la scrittrice Licia Tumminello ed i suoi pluripremiati racconti.

La presidente della Pro Loco di Izano, Daniela Gallo Carrabba, ha introdotto la serata presentando Licia Tumminello che si è addentrata in modo diretto e pacato nella spiegazione del suo progetto letterario, partito dai tempi del liceo.
Pur avendo da molto tempo un romanzo nel cassetto, sino ad ora la scrittrice ha privilegiato i racconti, vero e proprio condensato letterario, non facile da scrivere e necessitante di un rigoroso labor limae e di una precisa tecnica.

L’attrice Alessia Parolari, con garbata naturalezza, ha letto tre dei racconti scelti da Tumminello, iniziando da “L’Abc del Pifferaio”, Primo Premio nella sezione racconti per bambini, “Racconti nella Rete 2021”, promosso dal Festival letterario LuccaAutori.

Con la successiva lettura di “Magliette rosse”, narrazione della tragica morte di Eylan bambino siriano di tre anni, di etnia curda, divenuto un simbolo della crisi europea dei migranti dopo la sua morte per annegamento, Alessia Parolari ha dato voce al dramma della madre, di tutte le madri a cui la sorte ha strappato un figlio, evidenziando la dignità del racconto.

Tumminello ha omaggiato la Pro Loco con uno scritto inedito dedicato alla strage di Pizzolungo del 2 aprile 1985. Con quell’attentato la mafia voleva uccidere il giudice Carlo Palermo, ma morirono una madre con i suoi due figli. Anche in questo caso la drammaticità è stata esaltata dalla lettura di Alessia Parolari che ha dato voce alla madre trasmettendo agli astanti tutto il pathos dello scritto di Tumminello.

© Riproduzione riservata
Commenti