Spettacolo
Commenta

Prove di ritorno alla
normalità a Casaletto Vaprio

Un bellissimo pomeriggio, all’insegna del divertimento e delle emozioni, quello di domenica 03 aprile a Casaletto Vaprio dove, in una sala polifunzionale Chiesa Vecchia gremita di bambini e genitori, è andato in scena lo spettacolo “PINOCCHIO & GEPPETTO”, a cura della compagnia teatrale SentiChiParla di Cremona guidata da Chiara Tambani e promosso dalla Commissione Cultura del Comune di Casaletto Vaprio.

Programmato originariamente per la festa del papà, lo spettacolo, dopo il rinvio dello scorso
mese, non ha trovato impreparati i piccoli spettatori che sono accorsi numerosi per vedere la storia del burattino più famoso del mondo, nato dalla penna di Carlo Collodi nel 1883. Una sessantina i posti prenotabili (in osservanza alla normativa anti covid attualmente in vigore) andati sold out in pochissimi giorni, grazie anche ad un invito personale che la locale Commissione ha fatto pervenire a scuola e dove i giovanissimi e le giovanissime casalettesi hanno avuto modo di colorare un disegno a tema che poi hanno consegnato ai genitori.

Gli alunni e le alunne inoltre, grazie alla collaborazione delle insegnanti, hanno realizzato dei
bellissimi disegni basandosi sulla fiaba di Pinocchio che sono stati esposti in Chiesa Vecchia
durante lo spettacolo e che hanno impreziosito il pomeriggio, colorando gli spazi liberi della ex parrocchiale di San Giorgio.

A far da importante cornice, anche una raccolta delle edizioni storiche del famoso libro, in
prestito a Casaletto Vaprio da tutte le biblioteche della Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese e da collezioni private e che coprono un arco temporale di un intero secolo, dagli Anni ’20 del Novecento agli Anni ’20 del Duemila nelle più svariate traduzioni: italiano (ovviamente), russo, inglese, francese, ucraino, rumeno e persino latino.

Al termine dello spettacolo, i tre attori -che hanno interpretato complessivamente una ventina di personaggi grazie ai numerosi cambi di costume- non si sono negati per le foto di rito con ogni piccolo spettatore e, all’interno della bocca della balena, hanno potuto farsi ritrarre con i personaggi attraverso una fotografia istantanea che è stata regalata ad ogni famiglia all’uscita della sala.

Dopo due anni di restrizioni e di socialità negata a causa della pandemia, questo è il primo vero banco di prova per un ritorno alla normalità, agli eventi condivisi da e per grandi e piccini, conditi con un pizzico di magia e fantasia, quanto mai necessaria anche in questo periodo, mentre la Commissione è al lavoro sulla Sagra di San Giorgio in programma per lunedì 25 aprile e sugli eventi del mese di maggio.

© Riproduzione riservata
Commenti