Cultura
Commenta

Martedì incontro con Magatti
al Centro Giovanile S.Luigi

Come tradizione, in prossimità della Santa Pasqua, la commissione diocesana per la Pastorale sociale e del lavoro propone alle persone impegnate nel socio-politico la condivisione di un momento di riflessione su un tema d’attualità.

L’incontro terrà in presenza – ovviamente ottemperando alle eventuali prescrizioni antiCovid in vigore – martedì 5 aprile prossimo, alle ore 20.45, nella sala del Centro giovanile S. Luigi, in via Bottesini 2 a Crema.

Relatore sarà il sociologo ed economista Mauro Magatti, professore ordinario del corso di laurea in Gestione del lavoro e comunicazione per le organizzazioni presso la facoltà di Scienze politiche e sociali dell’Università Cattolica di Milano e segretario del Comitato scientifico e organizzatore della 49a Settimana sociale, tenutasi a Taranto dal 21 al 23 ottobre scorso sul tema “Il Pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro, futuro. #tutto è connesso”.

Volendo riversare in diocesi alcune delle indicazioni emerse in quelle importanti quattro giornate, contattato un paio di mesi fa avrebbe sviluppato il tema: “Cambiamento d’epoca. Transizione ecologica ed enciclica Fratelli tutti: quali mutamenti e quali prospettive nell’evoluzione del modello occupazionale e sociale?”.

I drammatici eventi bellici di queste ultime settimane nel cuore dell’Europa, ci hanno indotto a chiedergli di aiutarci a riflettere sul futuro, sviluppando il tema “Cambiamento d’epoca. In che mondo vivremo? Quali prospettive per non perdere la speranza”. Stante che le stragi e le devastazioni cui stiamo assistendo in Ucraina rendono tragicamente ancor più evidente – come purtroppo già il Covid – che siamo tutti interconnessi. Proprio il professor Magatti, a margine dei lavori a Taranto, faceva infatti osservare che “Non esistono degli ‘io’ che possono fare quello che vogliono e non succede niente… Noi siamo esseri in relazione gli uni agli altri e all’ambiente. Ebbene questa è una consapevolezza che le parrocchie possono aiutare a conquistare”.

Nell’attuale contesto di tensione internazionale è quanto mai necessario, come diceva don Tonino Bello, non limitarsi a sperare, ma bisogna “organizzare la speranza”.

L’incontro, oltre che alle persone impegnate nel sociopolitico, è aperto anche a tutti i sacerdoti e ai componenti degli organismi pastorali delle parrocchie, e sarà anche in streaming sul canale YouTube Il nuovo Torrazzo.

© Riproduzione riservata
Commenti