Cultura
Commenta

Dal 3 marzo riprendono i "Giovedì
dell'archivio": si parte con Finalpia

Riparte la stagione delle attività organizzate dalla Biblioteca comunale di Crema nell’ambito delle tradizionali rassegne dedicate ad adulti e bambini.
Con il mese di Marzo e la tendenza positiva della situazione pandemica la biblioteca apre il programma di attività organizzate presso la propria sede di Via Civerchi e ha scelto per dare il via agli eventi la seguitissima rassegna “I giovedì dell’archivio”.

Gli archivisti Francesca Berardi e Giampiero Carotti accompagneranno gli appassionati di storia e tradizione locale fra i documenti conservati e tutelati nell’archivio storico della Biblioteca e in 3 appuntamenti affronteranno temi interessanti per la comunità e faranno emergere curiosità, particolarità, tradizioni usanze proprie della comunità cremasca.
L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti con green pass rafforzato e mascherina

Il primo appuntamento giovedì 3 marzo ore 21 punterà lo sguardo sull’archivio della Colonia elioterapica Cremasca di Finalpia.
La serata racconterà dei cosiddetti aggregati di Finalpia. Nei primi anni di attività dell’Opera Pia i nomi dei bambini bisognosi di cure erano proposti direttamente dai genitori o segnalati da enti benefici cremaschi: con l’andare degli anni Finalpia si è trasformata da colonia terapica in colonia più semplicemente dedicata a svago e socialità, aprendosi all’intera collettività cittadina.
Presto, anche a fronte degli evidenti risultati positivi dei soggiorni sul fisico dei piccoli ospiti, diversi comuni, istituzioni e aziende hanno iniziato ad organizzare al proprio interno la raccolta delle richieste, andando a formare più o meno folti drappelli di bambini i cui nomi andavano “aggregati” alle liste dell’Opera Pia.

Gli appuntamenti successivi
• 7 aprile 2022- La guerra dei palchetti
Le vicende legate all’affitto o al passaggio di mano dei palchi hanno attraversato decenni di vita del Teatro Sociale, incrociandosi inevitabilmente con le modifiche apportate nel corso del tempo ai regolamenti interni al teatro e alle tariffe; non sono mancati anche contrasti legati ai rapporti con le autorità militari e politico-amministrative. Questa larga messe di informazioni più o meno occasionali e puntuali ha lasciato traccia sui documenti d’archivio: grazie ad essi si possono azzardare alcune interessanti osservazioni sull’evoluzione sociale della comunità cittadina
• 5 maggio 2022 – I rodoni di Crema
Per secoli la forza motrice principale utilizzata per le più varie e disparate attività artigianali e industriali è stata quella idrica: l’acqua è stata d’altra parte da sempre una protagonista costante del panorama e dell’economia del territorio. I documenti dei tanti archivi oggi disponibili presso il Servizio Archivi Storici del Comune di Crema sono piuttosto generosi di informazioni su località, utilizzi, proprietari, vicende di mulini distribuiti in vari punti della città e dei ristretti dintorni, tanto da poterne abbozzare una storia

© Riproduzione riservata
Commenti