Sport
Commenta

Il Pergo sfida il SudTirol
del neo bomber Galuppini

Una sfida dunque improba, alla quale i gialloblu arrivano avendo se non altro recuperato i tanti positivi (un solo calciatore non si è ancora negativizzato), anche se vanno messi in conto gli infortuni di Zennaro, Lepore e Piccardo.

All’andata finì 1-0 con uno strano gol, partito da un cross mal valutato dal portiere. Da allora è cresciuta molto la Pergolettese ma è cresciuto anche il SudTirol, che punta dritto alla serie B, forte di un vantaggio sulla seconda della classe di 2 punti che potrebbero diventare 8 con due vittorie nelle due gare in meno da recuperare, e di un mercato che giusto giovedì ha messo la ciliegina sulla torta: a Bolzano è arrivato infatti Francesco Galuppini, bomber del girone, sottratto a una diretta rivale per la promozione, ossia il Renate terzo in classifica. La squadra ospite alle 14.30 di domenica al “Voltini” è l’unica imbattuta del girone A e tra i team Pro in Italia condivide questo record con la sola Reggiana, capolista del girone B, sempre in serie C.

Una sfida dunque improba, alla quale i gialloblu arrivano avendo se non altro recuperato i tanti positivi (un solo calciatore non si è ancora negativizzato), anche se vanno messi in conto gli infortuni di Zennaro, Lepore e Piccardo. Nel frattempo la Lega di Serie C ha ufficializzato le date dei recuperi delle due giornate interamente rinviate per il Covid: il 1° febbraio, un martedì, la Pergolettese ospiterà il Padova; il 23 febbraio, un mercoledì, giocherà in casa della Pro Sesto. L’orario provvisorio in entrambi i casi è le 18, ma potrebbe cambiare.

Tornando al match di domenica, che segna il ritorno in campo dopo oltre un mese delle squadre (l’ultima giornata si giocò il 21 dicembre), c’è un altro record da evidenziare, un dato sul quale il SudTirol ha costruito il proprio cammino da capolista: la squadra altoatesina, infatti, con 5 gol incassati, è di gran lunga la migliore difesa del girone (al secondo posto il Padova a 14), e più in generale la migliore difesa d’Italia, dato che nessuno vanta un tale ermetismo. Ma ricordando che al “Voltini” sono già cadute Renate, Pro Vercelli, Albinoleffe e Lecco, sarebbe un peccato quantomeno non provarci…

Giovanni Gardani

© Riproduzione riservata
Commenti