Cronaca
Commenta

L'Ordine degli architetti istituisce
un presidio di Protezione Civile

Un presidio di protezione civile presso la sede dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Cremona: la proposta è stata presentata nei giorni scorsi durante la seduta del consiglio direttivo da Clara Rita Milesi, segretario e referente Tavolo di lavoro Emergenze post sismiche-Protezione Civile e Strutture, e approvata dal consiglio stesso.

Sulla scorta di un progetto già avviato dall’ordine a livelo nazionale, che ha inteso promuovere l’istituzione di presidi di Protezione Civile locali sull’intero territorio italiano, si vuole quindi costituire un presidio volto al reclutamento di apposite squadre di architetti volontari, qualificati e
costantemente aggiornati per supportare l’attività della Protezione civile, sia in emergenza che in regime ordinario.

L’ordine vuole “sviluppare e valorizzare l’impegno civile degli architetti nelle situazioni di emergenza a promuovere la cultura della prevenzione dell’emergenza e la gestione dei rischi” spiega l’ordine in una nota. “Attualmente gli architetti qualificati ed iscritti negli elenchi del CNAPPC sono 955. I Consigli Nazionali e gli Ordini territoriali non hanno alcuna competenza nella gestione diretta dell’emergenza ma sono soggetti di riferimento per la mobilitazione nell’ambito dei servizi di assistenza e dell’organizzazione dei tecnici operativi. Tali compiti sussidiari comprendono: allertamento degli architetti sulla base delle liste; formazione degli elenchi degli architetti, loro organizzazione in squadre e turni operativi; servizi di assistenza segreteria; servizi di assistenza logistica per i tecnici mobilitati.

Al tavolo di lavoro dell’Ordine Provinciale Emergenza post sisma-Protezione Civile-Strutture di Cremona sono 5 gli iscritti abilitati per l’emergenza post sismica (l’arch. Clara Rita Milesi, arch. Ilaria Pisani, arch. Letizia Galli, arch. Vincenzo Oliari, arch. Francesco Capuano) e tre iscritti aderenti al tdl (arch. Luciano Aiolfi, arch. Alberto Lanzi, arch. Nunzia Musoni).

© Riproduzione riservata
Commenti