Cronaca
Commenta

Sportello virtuale e Portale
telematico per i cittadini

Con il prolungarsi dell’emergenza sanitaria e considerando il numero sempre molto alto di persone in quarantena e isolamento fiduciario causato dall’ultima variante del Sars-Cov2, la capacità dei Comuni di raggiungere e farsi raggiungere dai cittadini anche in modalità informatiche, da remoto, senza costringerli a recarsi fisicamente a uno sportello per ottenere una informazione o un documento, diventa un requisito prezioso e fondamentale.

Il Comune di Crema è impegnato già da diverso tempo nella dematerializzazione dei suoi servizi, fin dal 2018 quando ha aderito alla ANPR, poi sviluppando con ConsorzioIT il proprio Portale telematico e in ultimo ideando uno Sportello virtuale che ha dato una nuova dimensione online all’’accoglienza del pubblico.

Per questa ragione è stata realizzata una grafica riassuntiva che pubblicizza questi due principali strumenti, coi loro rispettivi indirizzi, così da darne la massima diffusione.

Cosa è possibile ottenere, dunque, oggi, collegandosi da remoto con il Comune di Crema? Quasi tutto. Grazie al Portale telematico, tutti i cittadini possono visionare i propri dati anagrafici, produrre autocertificazioni e stampare certificati di Stato Civile ed Elettorale e dichiarazioni sostitutive; opportunità che si è integrata dallo scorso novembre con il nuovo servizio dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (ANPR) del Ministero dell’Interno che non solo permette di scaricare 14 certificati (Anagrafico di nascita, Anagrafico di

matrimonio, di Cittadinanza, di Esistenza in vita, di Residenza, di Residenza AIRE, di Stato civile, di Stato di famiglia, di Stato di famiglia e di stato civile, di Residenza in convivenza, di Stato di famiglia AIRE, di Stato di famiglia con rapporti di parentela, di Stato Libero, Anagrafico di Unione Civile, di Contratto di Convivenza) per proprio conto o per un componente della propria famiglia, dal proprio computer e senza bisogno di recarsi allo sportello, ma sono anche gratuiti, esenti da bollo.

È sufficiente accedere con la propria identità digitale (SPID, Carta d’Identità Elettronica, CNS).

L’altra novità, più recente, è lo Sportello Virtuale, lanciato col nuovo anno. Il suo principio può essere sintetizzato come “videoconferenza al posto della presenza fisica”: è un sistema che consente il ricevimento del pubblico tramite connessione remota in videoconferenza con la possibilità di chiedere informazioni e scambiare/esibire documenti in formato elettronico. Il cittadino accede al servizio online e prenota l’appuntamento, scegliendo data e ora tra le disponibilità effettive di calendario, quindi l’operatore procede con l’identificazione del cittadino, che a quel punto potrà ottenere informazioni e/o istruzioni scritte tramite chatbox, evitando quindi malintesi nella dettatura di frasi, oppure, ad esempio, link utili, esibire e/o consegnare i documenti eventualmente richiesti.

Al termine dell’appuntamento, se in fase di prenotazione ha indicato la propria mail, il cittadino riceve i documenti eventualmente richiesti.

© Riproduzione riservata
Commenti