Politica
Commenta

Piscina chiusa e contributo comunale,
interrogazione della Sinistra

Interrogazione ed eventuale convocazione di Commissione consigliare per rendere pubbliche le motivazioni delle scelte dell’amministrazione Bonaldi in merito alla gestione della piscina. La chiedono i rappresentanti della Sinistra, il capogruppo Emanuele Coti Zelati e il coordinatore Paolo Losco.

“La piscina di Crema – affermano –  è sempre di più in una situazione insostenibile: è ancora chiusa per non meglio precisati motivi di “manutenzione straordinaria” e per un tempo indeterminato.

Quello che accade è ai limiti del paradossale e le azioni della Giunta si sono dimostrate clamorosamente sbagliate: non solo da un punto di vista squisitamente politico ma, ancora prima, dal punto di vista dell’utenza.
Dopo i 100.000 € prestati e i 50.000 € “regalati” a Sport Management infatti, Bonaldi & Co, hanno deciso di fare un regalo di Natale da 38.000 € a Forus (subentrata a SM) avendo per tutta risposta il fermo dell’attività della piscina di Crema e lasciando la città senza un servizio che la stessa Amministrazione aveva definito fondamentale.

E’ necessario che la Giunta e la maggioranza si assumano la responsabilità politica di ammettere l’errore palese delle loro scelte, smettere di insistere su una strada che è, nei fatti, fallimentare e percorrere così altre vie.

A parere di chi scrive ciò che accade tratteggia una situazione inaccettabile peggiorata solo dalla totale mancanza di informazioni ai consiglieri comunali nella loro veste di rappresentanti dei cittadini.
Per queste ragioni e per fare in modo che venga fatta la necessaria chiarezza intorno a quello che innanzitutto è, lo ricordiamo, un servizio pubblico da erogare ai cittadini (che invece vengono lasciati all’oscuro), abbiamo protocollato una interrogazione a risposta scritta per la quale il regolamento del Consiglio Comunale prescrive una risposta entro dieci giorni (e che certamente renderemo pubblica).

Qualora la situazione non si sbloccasse procederemo, cercando di incontrare l’intesa anche con altri Consiglieri Comunali, alla richiesta di convocazione di una Commissione Consigliare perché si possa discutere più compiutamente della questione”.

© Riproduzione riservata
Commenti