Politica
Commenta

Crema 2022, "Azione" prepara una
sua lista a sostegno di Bergamaschi

In linea con la strategia regionale e nazionale del partito, la sezione cremasca di Azione ha deciso di presentarsi con una lista autonoma e con il proprio simbolo alle elezioni amministrative di Crema che si terranno nel 2022.

“Azione – afferma il referente cremasco Mario Alessio Benelli –  con le giuste persone e gli opportuni strumenti, ha l’ambizione di poter dare voce ai cittadini che chiedono competenza, concretezza, buona amministrazione e che vogliono andare oltre le etichette di destra e sinistra.
Azione sarà dunque convintamente presente nella coalizione che si sta consolidando attorno al candidato sindaco Fabio Bergamaschi. Parteciperemo attivamente ai tavoli tematici che andranno a costruire il programma della coalizione, facendoci promotori dei temi a noi più cari: 1) il sostegno alle imprese ed alle realtà produttive e commerciali cremasche, 2) la particolare e necessaria attenzione alla vita studentesca della città e ad una crescita culturale, sociale e professionale dei giovani di livello sempre maggiore, la quale deve essere il fulcro delle strategie di sviluppo della città, 3) riportare Crema ad essere motore e punto di riferimento del nostro territorio, 4) infrastrutture e mobilità all’avanguardia e sostenibili per una città proiettata nel futuro, oltre che ad una rigida
politica di riduzione dello sfruttamento del suolo.
Vogliamo essere di aiuto e metterci a disposizione della nostra comunità per preservare la qualità della vita della nostra città. Abbiamo quindi l’ambizione di partecipare all’amministrazione comunale, contribuendo attivamente a realizzare idee e trovare soluzioni alle gravose sfide del domani.

I colori del nostro simbolo rappresentano solo due dei molti temi cari al partito: blu per la transizione digitale e verde per quella ambientale. Saremo quindi attivi per realizzare supporto alle iniziative imprenditoriali giovanili in campo digitale e creativo ma non solo, sostegno ai lavoratori in smart working, particolare cura alla formazione scolastica, tecnica ed universitaria, tutela dell’ambiente e qualità dell’aria”.

© Riproduzione riservata
Commenti