Cronaca
Commenta

Treno deragliato a Pioltello:
al via il processo a Milano

Con la riproposta di essere parte civile da parte di alcune associazioni, tra cui quella delle vittime della strage di Viareggio, escluse in udienza preliminare, e la nuova richiesta di entrare nel processo del Movimento Difesa del Cittadino, ha preso il via oggi a Milano il processo per il disastro ferroviario di Pioltello, nel Milanese. Nel terribile incidente, avvenuto il 25 gennaio 2018 in seguito al deragliamento del regionale Cremona-Milano Porta Garibaldi, morirono Ida Milesi, 61enne di Caravaggio, dirigente medico e chirurgo all’Istituto “Carlo Besta” di Milano, Alessandra Giuseppina Pirri, 39 anni, impiegata di Capralba, e Pierangela Tadini, 51 anni, anche lei, come Ida, di Caravaggio. I feriti furono 46.

Dal processo è stata stralciata la posizione di uno dei 10 imputati che insiste per patteggiare 4 anni di reclusione, 6 mesi in più rispetto alla pena di 3 anni e mezzo ritenuta incongrua, e quindi respinta, dal gup.

“Nella maxi aula al primo piano del Palazzo di Giustizia, davanti alla quinta sezione penale”, scrive l’Ansa, “è cominciato il dibattimento in cui sono imputati, oltre a Rete Ferroviaria Italiana, che è anche responsabile civile, l’ex ad Maurizio Gentile, ora commissario straordinario per la messa in sicurezza della A24 e A25, e altri ex dirigenti, dipendenti e tecnici di Rfi: tra questi Andrea Guerini, all’epoca responsabile della Linea Sud della Direzione Territoriale Produzione, Vincenzo Macello, direttore della Direzione Territoriale Produzione (entrambi del comparto di Milano), Umberto Lebruto, direttore della Direzione Produzione e Marco Gallini, dirigente della struttura Organizzativa della società pubblica.

Ernesto Salvatore, allora responsabile del Nucleo Manutentivo Lavori di Treviglio di Rfi, ha invece chiesto di nuovo il patteggiamento, questa volta a 4 anni di reclusione. Per lui l’udienza è stata fissata per il prossimo 4 novembre”.

Per gli altri si torna in aula il prossimo 25 gennaio, giorno in cui il collegio deciderà sulle parti civili. Dopo di che si terrà la richiesta prove da parte dei pm Maura Ripamonti e Leonardo Lesti.

© Riproduzione riservata
Commenti