Cronaca
Commenta

Assalto alla Cgil, molti partecipanti
alla manifestazione di protesta

Almeno un centinaio di persone erano presenti nella mattinata di domenica alla manifestazione – attentamente presidiata dalla Polizia Locale – andata in scena davanti alla sede della Cgil di Cremona, in segno di protesta contro l’attacco consumatosi nel tardo pomeriggio di sabato contro la sede nazionale, durante una manifestazione contro il Green Pass.

“Un assalto fascista a un emblema di solidarietà e democrazia” ha commentato il segretario provinciale, Marco Pedretti. “Per questo ci siamo mobilitati e abbiamo organizzato presidi in tutte le Camere del lavoro d’Italia. Siamo per il rispetto della Costituzione e per la libertà d’espressione, ma entrare in una sede e rompere tutto è un atto da condannare”.

Quello di oggi – ha continuato Pedretti – è un presidio per dire che noi non ci abbassiamo e che dobbiamo reagire a queste provocazioni. Noi siamo un baluardo di democrazia. Se qualcuno vuole tornare all’epoca del fascismo, noi non siamo assolutamente d’accordo”.

In via Mantova erano presenti moltissime persone che hanno voluto esprimere la propria solidarietà al sindacato, a partire dagli altri sindacati, Cisl e Uil, ma anche esponenti del Pd e di Sinistra Italiana, nonché dall’amministrazione comunale di Cremona.

“Solidarietà mia e dell’amministrazione comunale per il vile attacco della sede che la Cgil ha subito da parte di persone che hanno manifestato spirito squadristico e di marca fascista” ha detto l’assessore Maura Ruggeri. “Quello di ieri è stato un attacco ai valori del sindacato e bisogna tenere alta la guardia, perché episodi di questo genere sono assolutamente inaccettabili”.

Per sabato prossimo a Roma le tre sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil hanno indetto una manifestazione antifascista per la democrazia e per il lavoro. Intanto nel corso della notte la polizia ha arrestato Fiore e Castellino, leader di Forza Nuova, e altre dieci persone che si sarebbero rese responsabile del blitz alla sede della Cgil romana.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti