Lettere
Commenta

Giusto il confronto sulla
legalizzazione della cannabis

da Franco Bordo
Egr Direttore,
Lo scorso 7 Settembre è stato depositato in Cassazione un quesito referendario che punta ad intervenire sia sul piano della rilevanza penale sia su quello delle sanzioni amministrative per quanto riguarda la produzione e il consumo personale di cannabis.

La proposta è stata avanzata da esperti, giuristi e militanti, impegnati contro il proibizionismo, coordinati dalle Associazioni Luca Coscioni, Meglio Legale, Forum Droghe, Antigone e Società della Ragione e ha raccolto l’adesione di varie forze politiche e di singoli esponenti. La raccolta firme è partita Sabato 11 e va completata entro il 30 Settembre, la modalità di adesione è esclusivamente online, grazie alla firma digitale, collegandosi al sito www.referendumcannabis.it

Quello della coltivazione, vendita e consumo di cannabis è di fatto una delle questioni sociali più importanti nel nostro Paese, in quanto si tratta di un tema che attraversa la giustizia, la salute pubblica, la sicurezza, la possibilità di impresa, la ricerca scientifica, le libertà individuali e, soprattutto, la lotta alla criminalità organizzata, interessata a un giro d’affari di oltre 6 miliardi all’anno. C’è poi il tema della cannabis a uso terapeutico, che vede molti pazienti, ancora oggi, lasciati soli dallo Stato nell’impossibilità di ricevere la terapia: queste persone si trovano nella posizione di dover scegliere tra il finanziare il mercato criminale delle piazze di spaccio o coltivare cannabis a casa rischiando fino a sei anni di carcere.

La proposta referendaria sta riscuotendo un’adesione incredibile: in soli tre giorni sono state raccolte 330 mila firme certificate. Ciò indica la forte attenzione e attesa presente nel Paese su questi temi.

Anche io sono convinto che il dibattito non debba più essere rimandato ma affrontato con tutti gli strumenti democratici a nostra disposizione, referendum compreso. Per questo invito a sostenere l’iniziativa referendaria collegandosi al sito apposito, dove è possibile prendere visione del testo completo della proposta e sottoscriverla con semplici passaggi.

Franco Bordo – Crema

© Riproduzione riservata
Commenti