Politica
Commenta

Ultimi mesi di mandato: il bilancio
dell'assessore Attilio Galmozzi

L’Amministrazione comunale di Crema si avvia verso la scadenza del mandato. L’appuntamento elettorale è fissato per la prossima primavera, presumibilmente maggio.

L’assessore Attilio Galmozzi, con delega a Istruzione, Lavoro, Edilizia scolastica e Innovazione ha tracciato un bilancio della propria esperienza.

Quali aspettative aveva dall’incarico che le è stato affidato? Queste aspettative sono state soddisfatte?

Sono entrato in giunta “in corsa”: nel 2014, sostanzialmente quasi a metà del primo mandato di Stefania, trovando una squadra rodata nella quale mi è stato facile inserirmi, sia per i meravigliosi rapporti umani, sia per la capacità di tenere insieme storie diverse e profili diversi. Certamente quando entri in corsa, devi recuperare un po’. La Delega all’Istruzione mi ha messo a contatto con un mondo meravilgioso che è quello della scuola, certamente grazie anche al buon rapporto coi Dirigenti Scolastici. Stefania mi diede fiducia, che spero di aver ripagato

Quali sono i progetti che maggiormante l’hanno soddisfatta nei 9 anni del suo mandato?

Il secondo mandato di Stefania mi ha visto in giunta fin da subito, con l’aggiunta della Delega all’Edilizia Scolastica. Ambito sicuramente stimolante, sia perché il tema dell’ammodernamento e manutenzione degli Edifici Scolastici è in continua evoluzione, sia perché l’Ufficio Tecnico ed in particolare l’Arch. Zorloni hanno sempre lavorato molto sul questo ambito. Negli anni sono stati fatti investimenti importanti, che per qualcuno potrebbero sembrare insufficienti ma che invece hanno permesso, passo passo, di intervenire un po’ in ogni Istituto Comprensivo per garantire sicurezza e maggiore comfort degli spazi. Soprattutto quest’anno l’investimento è stato cospicuo e gli interventi di pregio. Altro bellissimo progetto, che ci ha visti protagonisti con gli Istituti comprensivi e le Scuole dell’infanzia Paritarie che hanno aderito è stato il corso d’indirizzo montessoriano che ha permesso di avviare percorsi anche nelle Scuole Primarie, con evidenti risultati e apprezzamento da parte dei bambini

Cosa invece non è riuscito a realizzare, ma avrebbe voluto?

il Programma Elettorale non è un libro dei sogni, anche se qualche sogno possiamo permettercelo. E’ sempre stata un po’ una mia idea personale, ma credo che debba essere un’idea da mettere in cantiere per il futuro prossimo: serve un edificio scolastico nuovo, funzionale e innovativo anche per una scuola primaria e secondaria di primo grado a Crema.

Si ricandiderà in vista delle Comunali 2022?

Se riesce a convincere mia moglie, si. Scherzi a parte: non so dirle con certezza. Ci sto pensando.

In caso di vittoria del centrosinistra, se dovessero offrirle nuovamente questo assessorato, accetterebbe? E se invece fosse un’altra delega?

Faccio politica dall’età di 15 anni, mi ha sempre appassionato. Non credo che fare politica debba significare per forza farlo in primo piano, con un ruolo. Quindi, innanzitutto serve un progetto di lungo termine da parte di una coalizione progressista, che prosegua nel bellissimo cammino di questi 10 anni. Servono persone, idee e una figura (il/la candidato/a) che si faccia portavoce di questo progetto. Poi bisogna vincerle le elezioni. Poi si vedrà. In questo cammino che porterà ad un programma ci sarò senz’altro.

AmBel

© Riproduzione riservata
Commenti