Scuole
Commenta

Due milioni e 600 mila euro
per le scuole cremonesi

Classi come bolle anti contagio, aule in cui fare lezioni in presenza nel pieno rispetto delle restrizioni Covid. Per una ripartenza in sicurezza del mondo scolastico, dal Ministero dell’Istruzione arriveranno agli istituti cremonesi 2 milioni e 120 mila euro di contributi, oltre a 490 mila euro di fondi agli enti locali per affittare e adeguare spazi utili ai plessi più numerosi.

Sono due i decreti governativi firmati dal ministro Patrizio Bianchi: il primo, d’intesa con il Mef, sblocca 350milioni di euro del decreto sostegni bis per garantire l’avvio in sicurezza dell’anno scolastico 2021/2022. Risorse che i dirigenti degli istituti potranno utilizzare per l’acquisto di dispositivi di protezione e di materiale per l’igiene individuale e degli ambienti, ma anche per interventi a favore della didattica per studenti con disabilità e altri bisogni educativi speciali. Lo scopo è anche di potenziare gli strumenti digitali, favorire l’inclusione e contrastare la dispersione scolastica.

Di questi fondi, 2 milioni e 120mila euro arriveranno in provincia di Cremona, ripartiti tra plessi di ogni ordine e grado. L’altro fronte di sostegni del Ministero dell’Istruzione arriva agli enti locali per edilizia leggera e affitti di spazi per la didattica laddove vi siano classi troppo affollate. Dei 270milioni di euro stanziati a livello nazionale, 489mila euro arriveranno in provincia di Cremona, 322mila nel capoluogo, 130mila a Soncino e 37mila a Dovera.

Simone Arrighi

© Riproduzione riservata
Commenti